Go to Top

Nomina del revisore per la verifica della contabilità del condominio

L’assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio.

Revisore contabile per condominio

La deliberazione è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell’amministratore e la relativa spesa è ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà.

Il progetto di revisione contabile che propongo per le gestioni in corso si riassume nei punti che seguono:

  1. Analisi del controllo interno dell’ azienda che si occupa dell’ amministrazione; studio dei punti critici, proposte di miglioramento, relazione del lavoro all’ assemblea.
  2. Analisi del piano dei conti utilizzato dall’ azienda che si occupa dell’ amministrazione; eventuali proposte di miglioramento da concordare; relazione del lavoro all’ assemblea.
  3. Analisi della situazione patrimoniale; controllo della consistenza dei valori patrimoniali e finanziari; eventuale consulenza per un miglioramento della qualità espositiva della situazione dei conti amministrativi da presentare all’ assemblea.
  4. Analisi e controllo a campione del registro della contabilità; relazione del lavoro in assemblea.

Per ciò che riguarda la revisione contabile del condominio degli esercizi trascorsi, il progetto sarà definito sulla base delle esigenze dell’ assemblea.

Per approfondimenti sul tema della revisione contabile puoi scaricare il quaderno SAF dei commercialisti di Milano, di cui sono stato uno dei redattori.

L’ art. 1130 bis, al secondo comma dispone che l’ assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. La deliberazione è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell’amministratore e la relativa spesa è ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà.

Il sasso nella minestra

In un condominio una donna ebbe la sorpresa di trovare sulla soglia di casa un amministratore condominiale piuttosto ben vestito che le chiese qualcosa da mangiare.

“Mi dispiace”, ella rispose, “al momento non ho in casa niente”.

“Non si preoccupi”, replicò lo sconosciuto amabilmente. “Ho nella bisaccia un sasso per minestra; se mi darete il permesso di metterlo in una pentola di acqua bollente, preparerò la zuppa più deliziosa del mondo. Mi occorre una pentola molto grande, per favore”.

La donna era incuriosita. Mise la pentola sul fuoco e andò a confidare il segreto del sasso per minestra a una vicina di casa.

Quando l’ acqua cominciò a bollire, c’ erano tutti i condomini, accorsi a vedere lo straniero e il suo sasso.

Egli depose il sasso nell’ acqua, poi ne assaggiò un cucchiaino ed esclamò con aria beata: “Ah, che delizia! Mancano solo delle patate”.
“Io ho delle patate in cucina”, esclamò una consigliera di condominio.

Pochi minuti dopo era di ritorno con una grande quantità di patate tagliate a fette, che furono gettate nel pentolone.
Allora lo straniero assaggiò di nuovo il brodo. …leggi tutto l’ articolo.

Print Friendly

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi