Go to Top

Tangenti agli amministratori, effetti collaterali

Tangenti agli amministratori

Tangenti agli amministratori

Cari amici,

Quando le tangenti agli amministratori sono così coordinate da assumere il nome più “innocente” di provvigioni, possono accadere degli effetti collaterali indesiderati.

…pertanto cerchiamo di stare più attenti a come si governa l’ economia, …e soprattutto per chi si governa il condominio.

ALESSANDRIA

I Carabinieri della Stazione Alessandria Principale hanno denunciato per falsità materiale commessa da privato, truffa e sostituzione di persona due cittadini italiani di 28 e 43 anni, con numerosi precedenti a carico anche della stessa indole, entrambi residenti fuori provincia.

Circa due anni fa un amministratore di condominio di Alessandria, che gestisce diverse strutture della città, presentava una denuncia perché una persona a lui sconosciuta aveva disdetto a suo nome dei contratti di fornitura di energia elettrica per ben 23 condomini da lui amministrati, stipulandone di nuovi sempre a suo nome con altra società erogatrice del medesimo tipo di fornitura.

Le indagini avviate permettevano di accertare che tale operazione era stata eseguita da una società inesistente con sede fuori provincia della quale si identificava colui che era stato indicato come il titolare e che in effetti era estraneo a qualunque fatto, ma che riferiva di avere fornito i propri documenti di identità qualche tempo prima al 28enne per la stipula di un contratto di affitto, poi risolto, e di ritenere che il 28enne avesse utilizzato tali documenti per sostituirsi a lui.

A quel punto i militari si rivolgevano anche alla nuova società erogatrice della fornitura, venendo a sapere che un loro rappresentante aveva a sua volta stipulato un contratto con il presunto responsabile di un’agenzia commerciale che aveva inoltrato alla loro società questi nuovi contratti di fornitura a nome dell’amministratore di condominio alessandrino, ma riferiva anche di avere dei sospetti nei confronti di tale persona perché già in altri casi dei nuovi clienti avevano avanzato delle lamentele per delle operazioni effettuate senza autorizzazione.

Tangenti agli amministratori

I due avevano ottenuto, come provvigione per tali contratti fasulli a nome dell’alessandrino, un profitto di quasi 29.000 euro. Appurate le loro responsabilità, venivano denunciati all’Autorità Giudiziaria come coloro che avevano ideato la truffa, fornendo alla società erogatrice del gas dei falsi contratti mai stipulati per ottenere la provvigione, sostituendosi a un’altra persona in realtà estranea ai fatti, utilizzando le copie dei documenti di identità che avevano ottenuto in maniera fraudolenta.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi