Go to Top

Sestante relazionale per misurare i rapporti sociali

Sestante relazionale

Sestante relazionale

Gentilissimi,

Il sestante è lo strumento che serve per misurare l’altezza degli astri sull’orizzonte o la distanza angolare fra due corpi celesti, usato soprattutto in marina per stabilire la posizione di una nave.

Mi sembra un’ analogia molto efficace per descrivere il fine di questo articolo:

Il sestante relazionale è uno strumento adatto per misurare il grado di economia relazionale che incide nella situazione personale di riferimento, al fine di orientarlo verso il miglioramento delle relazioni.

Può essere utilizzato anche come strumento di autovalutazione.

Le persone e i gruppi sociali agiscono nei confronti con gli altri sulla base di due parametri, di cui uno è razionale, ed uno emotivo.

Il parametro razionale/irrazionale è il desiderio di libertà, o al contrario la volontà di dominio verso gli altri.

Il parametro emotivo, invece, è il desiderio d’ amore, oppure al contrario, un sentimento d’ odio/indifferenza (In questo contesto i termini odio e indifferenza sono sinonimi).

Una volta definiti i valori che vogliamo misurare (Il grado di libertà/dominio, e il grado di amore/odio-indifferenza), possiamo ora immaginare di disegnare gli assi cartesiani di riferimento per misurare il grado di economia relazionale che sussiste nel soggetto o nel gruppo sociale che stiamo valutando.

Pertanto disegnamo l’ asse delle ascisse e l’ asse delle ordinate, per evidenziare i quattro quadranti che ci servono.

L’ asse delle ascisse misurerà per convenzione il grado di libertà (verso destra rispetto al punto “0”) o di dominio (verso sinistra rispetto al punto “0”).

L’ asse delle ordinate, invece, misurerà il grado di amore (verso l’ alto rispetto al punto “0”), oppure di odio/indifferenza (verso il basso rispetto al punto “0”).

A questo punto siamo pronti per iniziare ad usare il nostro sestante relazionale.

Il fine di questo lavoro è acquisire consapevolezza sul comportamento degli altri, oppure autoconsapevolezza sul nostro comportamento.

Rispetto alla situazione o alla persona che stiamo valutando:

  • Dobbiamo segnare sull’ asse delle ascisse il grado di libertà (verso destra), oppure il grado di dominio (verso sinistra) che percepiamo… ovviamente più sarà alto il grado e più ci sposteremo dal punto “0” verso destra oppure verso sinistra.
  • Dobbiamo segnare sull’ asse delle ordinate il grado di amore (verso l’ alto), oppure il grado di odio/indifferenza (verso il basso) che percepiamo… anche in questo caso più sarà alto il grado che valutiamo, più ci sposteremo dal punto “0” verso l’ alto, oppure verso il basso.
  • Dopo aver valutato il grado di libertà/dominio, e il grado di amore/odio-indifferenza, potremo misurare l’ area complessiva che abbiamo calcolato, e poi scrivere una relazione di commento.

Ora descriviamo i quadranti che abbiamo identificato:

1 quadrante (X – LIBERTA’, Y – AMORE)

Questo è il quadrante delle persone sane, che vivono basando il proprio comportamento sull’ amore e sulla libertà.

Esistono persone che agiscono con molto amore e con poca libertà (Ad esempio i coniugi che sono estremamente esigenti tra loro, che costruiscono il loro rapporto come un castello impenetrabile, in cui loro non escono, e gli altri non possono entrare).

Oppure esistono persone che agiscono con poco amore e molta libertà (Di solito sono eterni adolescenti, che a 50 anni spesso si ritrovano ancora soli e sperano nel grande amore).

Se vogliamo portare il discorso sulla politica, ad esempio si può scrivere che Di Maio e Di Battista del movimento 5 stelle, hanno entrambi lo stesso grado di amore verso l’ attività politica, ma Di Battista ha un grado di libertà superiore in questa fase della sua vita, che lo porta a scegliere altre strade per lui più convenienti.

2 quadrante (X’ – DOMINIO, Y – AMORE)

Questo è il quadrante delle persone che vivono l’ amore solo in un ottica di vantaggio personale. Questo tipo di persone credono di amare sinceramente, ma in realtà cercano di dominare gli altri, e riescono a percepire solo il proprio tornaconto personale.

Il personaggio che mi sembra più calzante da segnare in questo quadrante con un livello di amore e di dominio elevato è Silvio Berlusconi.

Oppure immagino Mario Monti.

Sarebbe interessante una discussione sui livelli di amore e di dominio che caratterizzano questi due soggetti, al fine di segnalarli correttamente sul sestante relazionale.

3 quadrante (X’ – DOMINIO, Y’ – ODIO/INDIFFERENZA)

Le persone che si segnano in questo quadrante, a mio giudizio, sono abbastanza malate con se stesse e con gli altri.

Mi vengono in mente personaggi come George Soros, che muove valori finanziari astronomici senza curarsi delle conseguenze che causa agli altri.

Questo quadrante dovrebbe essere utilizzato molto raramente in una società sana.

4 quadrante (X – LIBERTA’ – Y’ ODIO/INDIFFERENZA)

La nostra società, naturalmente, ci educa fin da bambini ad essere in questo quadrante. La televisione, la pubblicità, l’ educazione culturale ci racconta in tutte le salse che siamo liberi di lavorare, guadagnare e consumare.

…tutto è segnalato come “molto semplice”, non bisogna preoccuparsi degli altri, ma solo del nostro benessere personale.

L’ istinto dell’ amore cresce naturalmente con dolore, ma senza consapevolezza.

Maturando moltissimi arrivano con fatica ad arrivare al primo quadrante superando di poco il “punto 0”.

Pertanto si ritrovano a perseguire moltissimo la libertà, ma non riescono ad elevarsi altrettanto nell’ educazione all’ amore.

Purtroppo la società oggi non ha la cultura adeguata per insegnare l’ amore.

Utilizzo del sestante relazionale

Il sestante relazionale serve per orientare i nostri rapporti personali e la cultura di riferimento verso il primo quadrante.

Oggi i rapporti personali e la cultura di riferimento vanno naturalmente a collocarsi verso il quarto quadrante.

Le persone di successo, in questo contesto, diventano facilmente ciniche, e pertanto si collocano probabilmente nel 2 quadrante.

Se le persone di successo sono naturalmente inclini a guardare in maniera egoista i propri interessi, maturano l’ indifferenza/odio.

…prima o poi, scendono sempre più in basso fino ad arrivare al 3 quadrante.

buon lavoro a tutti!

 

 

 

 

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi