Go to Top

Più moneta creano più ti dicono che non ci sono soldi

 

Da quando le banche centrali si sono messe a creare migliaia di miliardi di moneta siamo bombardati dalla propaganda che dice che non ci sono più soldi (moneta).

Da quando è scoppiata la Crisi Finanziaria Globale nel 2008 le banche centrali hanno dovuto, per non far crollare tutto il sistema, rivelare INDIRETTAMENTE il segreto della moneta. Hanno infatti creato di colpo una quantità di moneta pari al PIL dell’Europa in quattro anni e questa massa di moneta ha impedito una crisi come negli anni ’30 e raddrizzato la situazione (specie dove hanno spinto fino in fondo come in America).

Allo stesso tempo le autorità hanno martellato (tramite Monti, Letta e tutti gli altri “esperti”) che “non ci sono i soldi”, che la collettività nazionale, l’Italia come paese ad esempio, aveva “finito i soldi”. Se ci pensi è una delle più grandi operazioni propagandistiche della storia, mentre credi enormi masse di moneta da una parte racconti che la moneta è finita dall’altra. Bellissimo no ?

Quindi hanno creato, per tenere su il sistema bancario circa 8.000 miliardi e ne stano creando ancora, ma allo stesso (miracoli della propaganda) sono riusciti a convincere milioni di spagnoli, italiani, irlandesi, greci,portoghesi, francesi che non ci sono neanche 10 o 20 miliardi per terremoti e infrastrutture necessarie… Se ci pensi è un successo di proapaganda che neanche Stalin o Mao hanno mai ottenuto perchè da loro la gente sapeva che era propaganda e che c’era la censura, mentre qui ovunque ti giri i grandi media del “mondo libero” ripetono la stessa cosa

Avendo dalla loro parte i giornali, grandi mass media e la massa dei professori universitari ed esperti sono riusciti quindi ad offuscare quello che stavano facendo. Credo che per loro sia anche una soddisfazione enorme riuscire a infinocchiare così centinaia di milioni di persone, tu crei migliaia di miliardi con una mano e con l’altra li tassi alla morte raccontandogli che “non ci sono i soldi”. (Del resto una volta che hai fatto credere che l’11 settembre 19 ragazzi arabi senza arte ne parte hanno dirottato aerei sul Pentagono, Casa Bianca e il World Trade Center senza problemi forse puoi far credere di tutto)

Ma ha funzionato così bene perchè c’è la libertà di stampa e non esiste censura di regime, per cui hai tanti anche su siti indipendenti che si sono convinti e ripetono gratis e spontamente la propaganda. Ad esempio il sito/blog che forse tira di più ora è Rischio Calcolato che sono molto bravi, ma ripetono la propaganda sulla moneta pari pari, che “non ci sono i soldi” e il QE è come l’Aids ecc…. E lo stesso i miei amici di Mercatolibero e ovviamente il Blog di Grillo che è il più letto di tutti e spara che andremo in default perchè non ci sono i soldi. O Oscar Giannino con Michele Boldrin e il Fermare il Declino che ci davano dentro come matti a dire che lo stato non ha più soldi. Dato che tutti questi sono appunto indipendenti, alternativi e non di regime come il Corriere convincono la gente meglio loro di Monti, Letta e Draghi

Ok, torniamo al punto: quando le autorità hanno creato con il QE, LTRO, OTM e gli altri programmi (che nessuno capisce, sembra anche su questo forum) circa 8mila miliardi di “moneta” hanno di fatto dovuto squarciare il velo sul Segreto della Moneta. E non tutti sono così distrtatti, ignoranti o superficiali da non accorgersi di una cosa così macroscopica.. Anche io all’inizio non lo capivo e poi piano piano me ne sono accorto.

Alla fine è sorto ormai un movimento in tutto il mondo che, come negli anni ’30 o ’40, chiede una riforma radicale del sistema monetario e bancario, se su Google scrivi ad es “Chicago Plan” trovi dibattiti e convegno ovunque a cui parrecipano economisti anche del FMI o ex capi della Consob inglese. E in ogni caso, anche senza spingersi così lontano implicitamente Bernanke usa questo schema di ragionamento (ma quello che fa quando ne parla). Il caso più eclatante è il nuovo premier Abe in Giappone, il quale si fa consigliare da alcuni di questi esperti che cito spesso come Richard Werner.

Il punto essenziale da cui parte tutto questo movimento è che NEL SISTEMA ATTUALE IL 90% DELLA MONETA LA CREANO LE BANCHE TRAMITE I PRESTITI che sì cumulano nel tempo. La “moneta” oggi è per un 5% circolante/cash, un 5% riserve delle banca centrale nel circuito bancario e per il 90% depositi bancari, creati dalle banche in modo indipendente dai depositi raccolti.

La crisi finanziaria globale è scoppiata perchè le banche hanno contratto la moneta che creano (cioè i loro attivi e passivi di bilancio…) e lo stato ha dovuto tappare il buco (ma senza dichiararlo, offuscando il più possibile quello che stava facendo). In USA, Giappone e UK lo stato tappa veramente il buco creato dalle banche e l’economia in qualche modo si riprende, da noi no invece e l’economia sprofonda. Non c’è molto altro da capire se capisci come si crea la moneta.

Che cosa bisogna fare allora ? Innanzitutto il Quantitative Easing all’americana o giapponese, come misura di emergenza per far ripartire il credito e la creazione di moneta. Poi però cessare di emettere BTP e finanziare con moneta dei deficit pubblici che sostituiscano la creazione di moneta da parte delle banche.

Sembrano idee bizzarre che vengono in mente a me a uno in provincia di Modena che le spara grosse su un blog ? E quando la FED, la Banca di Inghilterra e il nuovo governo giapponese parlano di tenere ANCORA PER ANNI i tassi sui titoli di stato a breve allo 0% e di far comprare quasi tutti i titoli di stato a lunga alla Banca centrale… non è la stessa cosa di fatto ? La differenza è che loro te lo spiegano in un modo oscuro, così non capisci cosa stanno facendo perchè lo fanno solo perchè costretti dalle circostanze. E probabilmente non vogliono che la gente capisca che SI POTREBBE FARLO SEMPRE E NORMALMENTE …

Il mistero è come mai qui in Italia, dove soffriamo più di tutti le conseguenze della politica di ridurre la moneta in circolazione, ci sia così poca gente che apre gli occhi su come funziona veramente la moneta.

Comunque, andando avanti. In aggiunta al “QE permanente” devi poi anche riformare radicalmente il sistema del credito. Come ?

Alle banche, che oggi hanno la garanzia e tutela statale di diritto e di fatto (come noto le banche godono di garanzia sui depositi, garanzia sul lodo debito e vengono supportate ogni volta che si mangiano il capitale, vedi Monte Paschi ad esemio di recente) va impedito di creare moneta.

1) le banche “normali”, che hanno la garanzia e tutela statale, devono raccogliere depositi di clienti che vogliono un conto corrente con bancomat, carta di creditoi e possibilità di fare bonifici e basta, non possono prestare senza il consenso dei clienti i loro soldi o usarli. in questo modo scompare di colpo tutto il problema delle crisi finanziarie, i soldi sono tutti al sicuro (chiaro che in questo modo i profitti delle banche spariscono e diventano simili ad un servizio tecnico)

2) poi però ci devono essere altri istituti finanziari, chiamale “banche di rischio”, che raccolgono depositi allo scopo dichiarato invece di investirli in modo profittevole, facendo fidi, prestiti, mutui o qualunque altro impiego. In questo secondo tipo di banche il cliente sa però che i suoi soldi verngono prestati a qualcun altro o messi a rischio per ottenere guadagni per cui non può usarli quando vuole come nel caso del conto corrente

3) Infine lo stato deve finanziare un defici pubblico annuo del 3% o 5% con Moneta, non con Debito, non con BTP che costano il 5%, ma con Lire o Euro che costano 0% e non accumulano dopo 40 anni duemila miliardi di interessi composti come è successo in Italia dove il debito pubblico sono soli interessi su interessi cumulati. In questo modo lo Stato ogni anno crea moneta perchè l’economia funzioni, se l’economia è forte e c’è piena occupazione basta un deficit del -2% annuo, se è molto debole come adesso occorre deficit del -8% annuo come in USA e UK

MA DEVE ESSERE FINANZIATO SOLO CON MONETA, NON CON DEBITO

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi