Go to Top

Restera, ammanchi per 300 mila euro Tremano le famiglie

Restera, ammanchi per 300 mila euro. Tremano decine di famiglie
Solo in via Ronchese, in 5 stabili, passivi per 100 mila euro. Centinaia di inquilini in ansia San Zeno e Chiesa Votiva, si apre il fronte degli stabili privati: imprese e fornitori non pagati

È una voragine che si allarga ogni giorno, quella dei conti dei condomini gestiti dalle amministrazioni «Restera».

Il fronte degli stabili Ater e gestiti dall’Ater per conto del Comune si allarga, e solo in via Ronchese i primi accertamenti parlano di un «buco» complessivo di 100 mila euro, per i 5 condomini della via amministrati da Roberto Artuso e dalla consorte, Cristina Caodaglio.

E a tremare ci sono altre centinaia di inquilini in città: quelli che abitano in altri 20 condomini in diversi quartieri, sempre gestiti, o amministrati fino a pochissimo tempo fa, dalla società di Artuso, che ha sede in vicolo IV Novembre a Fiera, a pochi passi dal Sile. Da San Liberale a Sant’Antonino, da San Zeno a Santa Maria del Sile, la paura corre sul filo di bollette e ricevute, fatture e missive: in decine e decine di abitazioni, nei diversi punti delle città, si è in ansia e si spulciano febbrilmente conti e bollette, ricevute e rendiconti contabili che la società Restera ha inviato agli inquilini.

Ma intanto, a 3 giorni dal primo «buco» emerso in via Ronchese si apre un altro filone: quello dei condomini «privati», che non hanno nessuna connessione con l’Ater.

In zona chiesa Votiva, ad esempio, gli inquilini dello stabile di via Ospedale 7/C hanno scoperto che ci sono 45 mila, forse 50 mila euro di fatture e bollette non pagate. «E i conti non sono ancora terminati» dice un inquilino, «temiamo di scoprire altre fatture non saldate».

Non un caso isolato, perché moltissimi condomini sin qui gestiti dalla «Restera» hanno cambiato o stanno cambiando amministratore. È verosimile che da qui alle prossime settimane possano emergere altre incongruenze oppure altri ammanchi.

E un altro allarme «rosso» risuona a San Zeno, al condominio «Campovecchio» di via Polacco 13. «Lì vive mia madre, che è molto anziana», racconta Pierantonio Longo, «un anno e mezzo fa l’amministratore ha spinto per lavori di ridipintura e di ristrutturazione di alcune parti, per un importo totale di quasi 100 mila euro. Bene, pochi mesi fa è arrivata una lettera dall’impresa, che lamenta come quasi la metà dell’importo, 45 mila euro, non sia stata pagata. Non solo: sarebbero emerse, già nei primi giorni di lavoro del nuovo amministratore, altre utenze non pagate. Si parla già di 60 mila euro che mancano all’appello. Ma mia madre e gli altri inquilini hanno versato regolarmente gli importi. Ho qui le ricevute che fanno fede; non possono essere discusse. Mi chiedo: ma com’è possibile che questa società di amministrazione abbia potuto continuare a operare in questi anni, dopo che erano emersi? Possibile che nessuno, in questi anni, non abbia lanciato l’allarme?»

Sono le domande che adesso si rincorrono negli stabili gestiti sino a pochi mesi fa. Si parla di denunce in arrivo, e c’è chi si sta rivolgendo agli avvocati per avere lumi sulle possibilità di agire davanti alla giustizia. Ma c’è già chi frena, fra i potenziali beffati: «Ma come possiamo agire, se poi non c’è alcua sicurezza di riavere i soldi mancanti?», sbotta un anziano signore. «Dovremmo pure accollarci le spese legali e moltissimi come me sono pensionati che non hanno certo grandissime disponibilità».

Molti temono che oltre al danno ci sia anche la beffa: dover presto saldare i crediti avanzati da fornitori, artigiani e ditte. C’è chi si ritrova conti potenziali da duemila o tremila euro, ma anche chi potrebbe fare i conti con saldi da versare che oscillano dai cinque ai diecimila euro, per saldare i creditori e le società erogatrici di servizi. Come dire spese condominiali extra. «Non dormo più da settimane«, rivela una signora disperata, «come farò a pagare?» In più di qualche casa non sono giorni sereni.
http://tribunatreviso.gelocal.it/cronac … 1.10027355

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi