Go to Top

Luciana Littizzetto: Cosa aspettiamo fino al 14 dicembre?

Cari amici,

Luciana Littizzetto sta diventando la voce dell’ italiano medio, quello inutile che si ostina ad andare a votare senza sapere più perchè.

Alla domenica, durante il programma “Che Tempo che fa”, si evoca la voce dell’ italiano che protesta, che si ribella con la voce di Luciana.

A volte oso sperare che La Litizzetto si candidi alle prossime elezioni; un po’ di sana ironia ci vorrebbe per rinnovare lo squallido spettacolo che siamo costretti a subire in parlamento.

Mi chiedo a cosa servano tutte queste polemiche attorno al “monarca” Berlusconi, il quale governa ormai con il solo fine di mantenere il potere il più a lungo possibile?

E tutti gli altri, probabilmente, sognano soltanto di sostituirlo nell’ esercizio del potere.

Tutti noi balliamo come possiamo, cercando di sopravvivere in mezzo alle difficoltà economiche, mentre i nostri governanti si occupano di come conquistare e mantenere il potere.

Intanto chi comanda davvero sono i mercati finanziari, che condannano la povera gente alla povertà.

Per fortuna alla domenica arriva Luciana che dice ciò che moltissimi italiani pensano e non hanno il coraggio di urlare:

“…Li voglio vedere tutti all’ inferno che spengono le fiamme col culo!”

Il Fatto quotidiano

Molti lettori ci domandano che cosa voleva dire il Fatto col titolo di ieri (4 dicembre, ndr), “Il piano per battere Berlusconi”. Soprattutto con quell’accenno a una “lista civica nazionale contro Pdl e Lega”. Significa che auspichiamo un’ammucchiata da Fini a Vendola? No, abbiamo solo dato una notizia.

Partiamo dall’inizio. Molto probabilmente il 14 dicembre B. verrà sfiduciato alla Camera. Ma, anche nel caso in cui riesca a comprare qualche altro peone (i pannelliani si offrono in cambio dell’amnistia e dell’epurazione di Santoro: auguri a chi se li prende in casa) e a salvare la pelle per un voto, il suo destino in questa legislatura è segnato: con un voto in più non si governa, si può solo vegetare tenendo il Parlamento chiuso per evitare di andar sotto a ogni stormir di fronda. Dunque, se non sarà la Camera a staccargli la spina, sarà Bossi. A quel punto, due scenari: o si vota in primavera (primaNapolitano non vuole per non disturbare i 150 anni dell’Unità d’Italia e non prestare il fianco a speculazioni finanziarie), o si inventa un altro governo. Che sarebbe costituzionalmente legittimo, ma moralmente e politicamente indecente, perché mai avallato dagli elettori che anzi due anni e mezzo fa premiarono le forze che ne verrebbero escluse (Pdl e Lega). E poi un governo senza B&B ma con tutti gli altri dentro avrebbe una maggioranza talmente striminzita da poter vivacchiare al massimo fino all’estate per gestire l’ordinaria amministrazione: con le elezioni dietro l’angolo, non avrebbe la forza di adottare le misure impopolari che necessitano al Paese e, se tentasse di rifare la legge elettorale, si macchierebbe dello stesso peccato originale di cui si macchiò B. Nel 2005, cambiando le regole del gioco un minuto prima del fischio dell’arbitro. E gli regalerebbe una formidabile arma propagandistica, alimentando un vittimismo oggi impraticabile (oggi, se cade il governo, è colpa di B. che non ha saputo governare con la più ampia maggioranza mai vista nella storia repubblicana).

Dunque si fa strada in molti ambienti – alcuni mossi da senso di responsabilità, altri da interessi forti – un’idea: quella che, alla luce della mozione di sfiducia del terzo polo, abbiamo illustrato ieri: andare al voto il prima possibile e dar vita a una lista civica nazionale capitanata da una personalità super partes, come Mario Monti (Mario Draghi non è disponibile ed è meglio che resti a Bankitalia), che si presenti agli elettori con un programma minimo di cose urgenti da fare prima di restituire l’Italia alla normale dialettica progressisti-conservatori: risanamento della finanza pubblica per evitare una deriva greca e irlandese, nuova legge elettorale e poco altro. Un programma da realizzare in due anni, dopodiché chi sostiene il listone si impegna a restituire la parola agli elettori e Monti (o chi per lui) a tornare al suo lavoro, come Cincinnato. Il listone dovrebbe indicare i futuri ministri, scelti tra personalità di alto livello dai partiti che lo sostengono. Quali? Tutti quelli che ci stanno. È scontato che né il Pdl, prigioniero del rabbioso revanscismo di B., né la Lega potrebbero mai starci. Né la sinistra neocomunista. Dunque il listone chiederebbe l’appoggio a tutti gli altri: Fli, Udc, Pd, Idv e Sel. Se aderissero tutti o quasi, riuscirebbero a far scattare il premio di maggioranza, che assegna il 55% dei seggi parlamentari a chi totalizza almeno il 35% dei voti. Se invece il fronte chiamato a deberlusconizzare l’Italia si presentasse, come nel ’94, diviso fra centristi e sinistra, il quorum non scatterebbe per nessuno in entrambi i rami del Parlamento. E ci ritroveremmo B&B vittoriosi alla Camera, ma non al Senato. Caos e ingovernabilità totale. Questa è l’idea che si fa strada e noi l’abbiamo raccontata.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi