Go to Top

Manutenzione e responsabilità degli impianti di riscaldamento nel condominio

Chi deve far effettuare la manutenzione?

Il decreto 412/93 ha introdotto la figura del responsabile dell’esercizio e della manutenzione degli impianti e l’
obbligo del libretto di impianto o di centrale (potenza maggiore o eguale a 35 kW) per tutte le potenzialità di
impianto.
Il “responsabile dell’impianto” coincide con l’occupante a qualsiasi titolo dell’unità immobiliare, sia esso
proprietario o locatore o usufruttuario, per gli impianti centralizzati coincide con l’amministratore del
condominio.
Esercizio e conduzione degli impianti
Il responsabile dell’impianto o per esso un terzo che se ne assume la responsabilità e’ tenuto ad effettuare le
operazioni di manutenzione degli impianti secondo le norme U.N.I. e C.E.I. .
La manutenzione degli impianti e’ quindi oggi un obbligo di legge .

il responsabile deve:

· predisporre e firmare il libretto di impianto (minore di 35 kW) o di centrale;
· disporre gli interventi di manutenzione, una volta all’anno, affidandoli ad una impresa abilitata secondo al
legge n. 46/90,
· disporre almeno ogni due anni la verifica delle prestazioni della caldaia e degli elementi contenuti nel
libretto (analisi dei prodotti della combustione, ecc. ( due volte l’anno per impianti di potenzialità termica
maggiore di 350 kW);
· rispettare i limiti di esercizio previsti dal decreto;
· condurre gli impianti in modo che la temperatura ambiente non superi il valore di 20° + 2;
· effettuare la sostituzione obbligatoria nei termini previsti del generatore che all’atto della verifica presenti
un rendimento non riconducibile ai valori limite previsti dal decreto
· affidare la conduzione dell’impianto a persona dotata di patentino di abilitazione ai sensi della legge
n.615/66 per potenzialità termica maggiore di 216 kW
in caso di inosservanza il responsabile è soggetto passibile di sanzioni amministrative.

L’amministratore del condominio dovrà inoltre:
– esporre la tabella con l’indicazione del periodo annuale di esercizio e l’orario di attivazione giornaliero;
– le generalità ed il domicilio del responsabile dell’esercizio e della manutenzione.

Il proprietario o occupante o l’amministratore possono delegare ad un terzo la responsabilità dell’impianto, in
possesso dei requisiti previsti dal decreto ed abilitato secondo la legge n. 46/90.

Il proprietario di impianti individuali resta però responsabile della temperatura e del periodo di accensione dell’impianto.

Il terzo responsabile deve essere in possesso dell’abilitazione fornita dalla legge n. 46/90 e per impianti
centralizzati di potenzialità maggiore di 350 kW deve essere iscritto all’A.N.C. (oggi avere una qualificazione
secondo il D.P.R. 34/99) per la categoria manutenzione o possedere la certificazione del sistema di qualità UNI
EN 29000.

Il terzo responsabile deve firmare il libretto di impianto o centrale sottoscrivendo un regolare contratto.

Sono nulli i contratti contrari alla legge.

 

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi