Go to Top

Maneggio di denaro altrui

Maneggio di denaro altrui

Nel mirino del fisco finiscono gli amministratori di condominio.

Chi per lavoro si trova nella condizione di dover versare a suo nome denaro altrui sul proprio conto bancario non sfugge all’accertamento fiscale con la prova generica del maneggio di somme appartenenti a terzi.

E’ quanto emerge dalla sentenza 6617/09, emessa dalla sezione tributaria della Cassazione.

Quando i conti correnti sono finiti nel mirino dell’amministrazione che esige le imposte sui redditi, il titolare deve fornire la dimostrazione analitica che ogni singola movimentazione è inerente alla sua attività professionale.

Altrimenti si applicano le regole previste per i soggetti con obbligo di contabilità: i prelevamenti dei conti sono considerati direttamente come ricavi conseguiti nell’esercizio dell’attività d’impresa.

Insomma: sull’amministratore di condominio, come su chiunque maneggi denaro altrui, è posta una presunzione che spetta al contribuente superare.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi