Go to Top

Dolce notte

Lascio con gioia questa capanna,
dimora della mia bella,
e con passo lieve m’ aggiro
per questo bosco senza vita.
La luna rompe la notte delle querce,
zefiri annunciano il suo corso,
e le betulle con un inchino
le spandono il più soave incenso.

Un brivido che desta il cuore
e scioglie l’ anima
passa nel fresco dei cespugli.
Che notte bella e dolce!
Una gioia, un piacere da non dire!
Eppure, o cielo, ti lascerei
mille di queste notti
per una sola della mia diletta.

 

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi