Go to Top

Chiusura della gestione contabile degli incassi

Formazione per condòmini e consiglieri
Chiusura della gestione contabile degli incassi

Una informazione importante da pubblicare nella nota esplicativa della gestione è la data di chiusura della gestione contabile, che coincide con la data di stampa del fascicolo di assemblea ordinaria.

Gli incassi vanno registrati fino alla data di chiusura dell’ esercizio amministrativo

Infatti è bene sapere che l’ amministratore diligente deve registrare gli incassi pervenuti fino alla data di chiusura dell’ esercizio amministrativo.

Gli incassi pervenuti dopo il termine di chiusura della gestione contabile vanno registrati nell’ esercizio successivo (anche se richiesti in date precedenti), e saranno conteggiati come acconti da detrarre nel conto preventivo che sarà approvato dall’ assemblea.

Data di chiusura della gestione contabile

Pertanto nasce l’ esigenza di informare fino a che data l’ amministratore prosegue a registrare gli incassi pervenuti come acconti, al fine di comunicare che gli incassi eventualmente pervenuti dopo tale data non saranno conteggiati come acconti (Questa data coincide con la data di stampa del fascicolo di assemblea ordinaria).

Questa è la data di chiusura della gestione contabile dell’ esercizio amministrativo.

Molti programmi di gestione consentono di registrare anche dopo la data di chiusura dell’ esercizio, ma è un errore utilizzare questa possibilità

A questo riguardo condivido che molti programmi di gestione condominiale consentono all’ amministratore di registrare gli incassi pervenuti dopo la data di chiusura dell’ esercizio contabile, ma l’ amministratore diligente deve sapere che questa procedura, anche se consentita dal programma, è sbagliata sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista finanziario.

Dal punto di vista economico la registrazione è sbagliata perchè, comunque, le risorse finanziarie pervenute saranno utilizzate nell’ esercizio successivo, ed anche perchè, effettivamente, il condòmino ha versato il dovuto nell’ esercizio successivo.

Dal punto di vista finanziario la registrazione è sbagliata, perchè di fatto le risorse finanziarie registrate dal punto di vista economico, effettivamente non sono pervenute; tanto è vero che il programma, al fine di mantenere la quadratura della situazione patrimoniale, deve inventare una risorsa finanziaria inesistente (Danea, ad esempio, chiama questo contro “Quote a credito Vs. Condòmini).

Pertanto, per finire, ricordo ancora a tutti gli amministratori che le quote condominiali incassate in data successiva a quella di chiusura dell’ esercizio, vanno registrate nell’ esercizio successivo.

Gruppo facebook sul fascicolo di assemblea ordinaria

Vi invito ad iscrivervi sul nostro gruppo su facebook, per imparare insieme come comporre il fascicolo di assemblea ordinaria a regola d’ arte.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi