Go to Top

Certificazione energetica degli edifici

Come si sa, dal 1 luglio i proprietari di casa, in caso di compravendite, sono costretti a redigere l’ attestato di certificazione (o qualificazione) energetica dei loro appartamenti.

Siccome ho notizia che diversi amministratori stanno gestendo questo nuovo obbligo di legge dei proprietari a proprio vantaggio, al fine di non farvi fregare da scuse o fraintendimenti che intendano giustificare spese non dovute, è utile, a mio giudizio, divulgare quanto segue:

1) L’ obbligo di legge è del proprietario, NON del condomìnio. Pertanto l’ amministratore non è obbligato per legge a prendere iniziative che riguardino la predisposizione della certificazione energetica.

2) Ossia l’ amministratore può dare mandato di redigere il certificato condominiale SOLO su mandato di assemblea a tecnici di fiducia dei condòmini (non dell’ amministratore).

3) Ciò di cui al punto 1 è vero ANCHE considerato che Il dlgs n. 192 / 2005 afferma che, in caso di condomini dotati di caldaia centralizzata, è possibile redigere un’ unica certificazione energetica per tutto l’ edificio.
In ogni caso la certificazione obbligatoria si riferisce all’ appartamento PRIVATO; non al condomìnio.

4) Da ciò consegue che:

a) La certificazione energetica condominiale riguarda i singoli appartamenti e non le parti comuni, come scale, androni e corridoi (che non sono riscaldate).

b) Pertanto una delibera potrebbe essere radicalmente nulla, perché il suo oggetto (l’ appartamento, appunto) è fuori dall’ ambito delle decisioni condominiali.

c) Quindi l’ amministratore può solo proporre la certificazione comune, lasciando a ciascuno libera scelta.

d) D’ altronde è anche vero che la caldaia centralizzata è senz’ altro un impianto di proprietà condominiale e che i muri esterni del palazzo, che fanno da cappotto all’edificio, sono anch’ essi comuni.

Una buona soluzione è deliberare in assemblea il calcolo delle prestazioni energetiche di caldaia centralizzata, muri e tetto, a spesa comune. Viceversa resterà facoltà di ciascuno, a spese aggiuntive proprie, chiedere o meno la certificazione energetica, completando l’ analisi con eventuali valutazioni del proprio appartamento.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi