Go to Top

Barriere architettoniche e bonus ristrutturazioni

A proposito del superamento delle barriere architettoniche nel condominio , nel 2015 un contribuente ha installato un elevatore per permettere alla figlia disabile di accedere agevolmente al proprio appartamento; per tale tipologia di intervento è prevista qualche agevolazione fiscale?

La detrazione fiscale delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16 -bis del DPR 917/86 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi).

I lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale in via generale possono essere così individuati:

• interventi di manutenzione straordinaria sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze;
• interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle parti comuni di edifici residenziali;
• interventi di restauro e risanamento conservativo;
• interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza;
• interventi finalizzati alla cablatura degli edifici, al contenimento dell’inquinamento acustico, all’adozione di misure di sicurezza statica e antisismica degli edifici, all’esecuzione di opere interne;
• interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune.

Anche le spese sostenute per l’eliminazione delle barriere architettoniche possono fruire della detrazione IRPEF accordata ai lavori di ristrutturazione edilizia pari al 50% su un importo massimo di 96.000.

L’ importo detraibile va ripartito in dieci quote annuali.

Vi rientrano, ad esempio, le spese per l’installazione di ascensori, montacarichi, elevatori esterni all’abitazione e quelle per la realizzazione di strumenti che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologico, favoriscono la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap grave (articolo 3, comma 3, Legge 104/1992).

La detrazione compete unicamente per le spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili, mentre non spetta per le spese sostenute in relazione al semplice acquisto di strumenti, anche se diretti a favorire la comunicazione e la mobilità interna ed esterna. Pertanto, a titolo di esempio, non rientrano nell’agevolazione i telefoni a viva voce, gli schermi a tocco, i computer, le tastiere espanse. Tali beni, tuttavia, sono inquadrabili nella categoria dei sussidi tecnici e informatici per i quali, a determinate condizioni, è prevista la detrazione IRPEF del 19%.

Si segnala inoltre che la parte di spesa eccedente la quota agevolata con il “bonus ristrutturazioni” è detraibile nella misura del 19% come spesa sanitaria.
Per le prestazioni di servizi relative all’ appalto di questi lavori, è applicabile l’aliquota IVA agevolata del 4% (Circolare 7/E del 2001).

www.fiscal-focus.it/l-esperto/l-esperto-risponde/bonus-ristrutturazione-ed-eliminazione-barriere-architettoniche,3,77271

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi