Go to Top

Ascensore per disabili in condominio, chi paga?

Ascensore per disabili in condominio, chi paga?

Salve ingegnere,

sono il capo condominio di uno stabile di 5 appartamenti situato su due livelli. Al piano terra dello stesso, in uno dei due appartamenti presenti abita una coppia di disabili. Lo stabile oltre agli appartamenti, è munito al piano interrato di numero 5 garage accessibili da un’area di manovra. Premetto che nel progetto dell’abitazione l’unico ingresso previsto ai garage è situato dall’altro lato rispetto al portone d’ingresso per cui ognuno dei condomini per accedere ai garage deve fare il giro a bordo di un mezzo. Avevamo quindi pensato di forare il ballatoio del piano terra e mediante l’utilizzo di un ascensore o delle scale raggiungere il garage.

Domanda: l’eventuale ascensore deve essere pagato da tutti i condomini o solamente dalla persona disabile visto che possiamo ovviare al problema con una scala?

Da parte di tutti i condomini però c’è l’intenzione di favorire il disabile così come previsto dalla legge.
Aspetto sue notizie in merito e nel ringraziarla porgo distinti saluti.

G.

Ing. Marco Marchetti scrive…

LEGGE 9 GENNAIO 1989, N. 13

2.1 Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere .architettoniche di cui all’articolo 27, primo comma, della legge 30 marzo 1971, n. 118, ed all’articolo 1 primo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, n. 384, nonché la realizzazione di percorsi attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi all’interno degli edifici privati, sono approvate dall’assemblea del condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dall’articolo lì 36, secondo e terzo comma, del Codice civile.

2. Nel caso in cui il condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, le deliberazioni di cui al comma 1, i portatori di handicap, ovvero chi ne esercita la tutela o la potestà di cui al titolo IX del libro primo del Codice civile, possono installare, a proprie spese, servoscala nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l’ampiezza delle porte d’accesso, al fine di rendere più agevole l’accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garage.”
http://www.disabili.com/gli-esperti-ris … e-chi-paga

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi