Go to Top

Acqua, aumento retroattivo delle tariffe idriche dal 1 gennaio 2018

L’ acqua è un bene pubblico

L’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha autorizzato l’ aumento retroattivo delle tariffe idriche, in relazione ai consumi dell’ acquedotto.

Il punto di partenza per cui scatteranno gli aumenti delle nuove tariffe è stato fissato al 1° gennaio 2018.

A darne notizia è Il Sole 24 Ore nella sua edizione cartacea, notizia ripresa online poi dal portale La Legge per Tutti.

L’ obiettivo è “fare cassa” con la scusa di rendere i calcoli più semplici

L’obiettivo dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente è di “fare cassa” con la scusa di uniformare le diverse categorie di utenza e di rendere più semplice il calcolo dell’importo dovuto dal destinatario della bolletta dell’acqua al fornitore.

Se non fosse così è evidente che la norma non prevederebbe un incremento a partire dall’ inizio dell’ anno scorso.

ARERA ha stabilito il criterio in base al quale i costi cambieranno rispetto al numero dei componenti del nucleo familiare: pertanto più alto è il numero delle persone che abitano sotto lo stesso tetto, maggiore sarà il conto da pagare.

Di seguito condivido il link della delibera 09 luglio 2019 302/2019/R/idr oggetto di questo articolo.

L’ acqua è un bene pubblico

L’ acqua è un bene pubblico e dovrebbe avere un prezzo pubblico. Perchè non è così? Perchè lo stato è soggetto alle leggi di mercato. Perchè è soggetto? Perchè si è privato del diritto e del potere di stampare moneta a credito. Pertanto non ha la possibilità di finanziare i beni pubblici con moneta pubblica, ma bensì è costretto a farsela prestare dalla banca centrale, pagando un tasso di interesse.

Pertanto noi cittadini dobbiamo pagare le tasse per finanziare un servizio che dovrebbe avere un prezzo pubblico; in aggiunta dobbiamo pagare le tasse per pagare gli interessi sulla moneta a debito prestata dalla banca centrale, tramite l’ emissione del debito pubblico; infine dobbiamo pagare le tasse per finanziare i servizi di welfare.

Mi chiedo che condanna dobbiamo scontare per subire regole così inique.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi