Go to Top

Viviamo per amare ed essere amati

Papa: «Una traccia della Trinità
è nel genoma di ogni uomo»

«La prova più forte che siamo fatti ad immagine della Trinità è questa: solo l’amore ci rende felici, perchè viviamo per amare ed essere amati»

Cari amici,

Traggo oggi questa buona notizia tratta dal Corriere della sera:
Viviamo per amare ed essere amati!

Sono pienamente d’ accordo, e mi piace che queste parole assumano importanza nel giornale più diffuso in Italia.

L’ amore è la forza più potente a disposizione dell’ umanità, tiene insieme la nostra società, la difende dall’ ipocrisia e dall’ egoismo.

L’ amore è la speranza per un futuro migliore, è un programma politico per l’ avvenire, è il significato ultimo del nostro esistere.

Sono convinto che potremo migliorare la nostra società se favoriamo culturalmente e politicamente questa forza, la quale malgrado tutti gli ostacoli riesce ancora a far sognare ed immaginare una realtà più solidale e vivibile.

….e poi non abbiamo niente da perdere! O impariamo a vivere insieme in modo solidale, oppure moriremo di stenti e di guerre.

Preferisco vivere!

Corriere della sera

ROMA – Raffinata riflessione teologica di Benedetto XVI con ricorso a un’analogia che attinge al linguaggio della scienza biologica prima dell’Angelus di domenica 7 giugno. «La prova più forte che siamo fatti ad immagine della Trinità è questa: solo l’amore ci rende felici, perchè viviamo per amare ed essere amati» ha detto il pontefice prima di intonare l’Angelus. «Usando un’analogia suggerita dalla biologia, diremmo – ha aggiunto – che l’essere umano porta nel proprio “genoma” la traccia profonda della Trinità, di Dio-Amore».
«Quest’oggi – ha rilevato il Pontefice – contempliamo la Santissima Trinità così come ce l’ha fatta conoscere Gesù: Egli ci ha rivelato che Dio è amore non nell’unità di una sola persona, ma nella Trinità di una sola sostanza; è Creatore e Padre misericordioso; è Figlio Unigenito, eterna Sapienza incarnata, morto e risorto per noi; è Spirito Santo che tutto muove, cosmo e storia, verso la piena ricapitolazione finale». «Tre Persone – ha concluso – che sono un solo Dio perchè il Padre è amore, il Figlio è amore, lo Spirito è amore. Dio è tutto e solo amore, amore purissimo, infinito ed eterno».

«DIO NON VIVE IN SPLENDIDA SOLITUDINE» – «Dio è tutto e solo amore -aveva detto poco prima il Pontefice- amore purissimo, infinito ed eterno. Non vive in una splendida solitudine, ma è piuttosto fonte inesauribile di vita che incessantemente si dona e si comunica». «Lo possiamo in qualche misura intuire -ha aggiunto- osservando sia il macro-universo: la nostra terra, i pianeti, le stelle, le galassie; sia il micro-universo: le cellule, gli atomi, le particelle elementari. In tutto ciò che esiste è impresso il “nome” della Santissima Trinità, perchè tutto proviene dall’amore, tende all’amore, e si muove spinto dall’amore, naturalmente con gradi diversi di consapevolezza e di libertà».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi