Go to Top

USA in miseria

USA in miseria
La maggiore potenza economica al mondo sta sprofondando nella povertà.

Immagine

NEW YORK (WSI) – In alcune città dell’America un tempo ricche e ora economicamente disastrate, come Detroit o Buffalo, si sta sviluppando un fenomeno a dir poco inusuale: le case o vengono regalate o sono in vendita a solo 1 dollaro.

Chi più di tutti sta mettendo in vendita queste case a prezzi stracciati, informa il blog The Economic Collapse, è il governo.

Tuttavia, innumerevoli ragioni fanno si che sia meglio pensarci molto bene prima di comprare questa tipologia di case. Innanzitutto tali abitazioni sono in uno stato pessimo, estremamente degradato e renderle abitabili richiederebbe una spesa di migliaia di dollari. In secondo luogo, acquistandola se ne diventa responsabili, per cui se un senza tetto dovesse inciampare e ferirsi i proprietari ne sarebbero automaticamente responsabili.

Inoltre queste abitazioni si trovano in quartieri molto pericolosi con un alta criminalità e, infine, in queste aree le tasse sono molto elevate e quello che si arriverebbe a pagare in un anno corrisponderebbe al reale valore di una casa.

Insomma, anche se a un solo dollaro, comprare queste case è comunque sconveniente, ma ciò che è ben più sconcertante è il fatto che in America la classe media stia scomparendo e che il Paese stia perdendo, pian piano, la propria indipendenza. La maggiore potenza economica al mondo sta sprofondando nella povertà.

Basti pensare che a oggi risulta che il 56% degli americani abbia un credito ‘subprime’. Negli Stati Uniti dunque le cose stanno cambiando ma, purtroppo, non per il meglio.
http://www.wallstreetitalia.com/article … troit.aspx

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi