Go to Top

TG: Troppa politica in TV

I TG RAI ‘BOCCIATI’ PER TROPPA POLITICA, PEGGIORI IN UE
la “bocciatura” arriva dalla ricerca dal tema ‘Politica e giornalismo nei telegiornali Rai’ condotta dall’Osservatorio di Pavia.

Cari amici,

Di seguito riporto un articolo tratto dalla WebPage di AGI News, il quale ci ricorda che i nostri telegiornali sono “invasi” dalla politica.

Sono d’ accordo!

Per ciò che mi riguarda, sono ormai molti mesi che non accendo il televisore, eccetto per taluni programmi di satira e talaltri format di informazione che ritengo intelligente.

I telegiornali mi annoiano!

Noto molti faccioni che cercano di “primeggiare” nell’ arte della “tuttologia”, e piatte notizie a “risposta unica”, che servono a far indignare la gente in modo rispettoso e controllato.

“Nuove” cose non ne vedo.

Credo che oggi sia il momento giusto per cambiare in “meglio”, se non altro perchè il mondo ci costringe a cambiare i nostri consueti parametri di giudizio.

Non possiamo più sperare che qualcuno arrivi dall’ alto e ci salvi!

Questa speranza appartiene alla cultura religiosa, e non può essere attuata nella realtà economica.

Se vogliamo salvare la nostra cultura e la nostra economia residenziale, dobbiamo iniziare a pensare cosa è il meglio per noi!

Questa è una decisione individuale che nessuno può prendere al posto nostro, ma c’ è una buona notizia: Possiamo scegliere!

AGI News

(AGI) – Roma, 17 nov. – Oggi i telegiornali Rai sono ‘invasi’ dalla politica: la “bocciatura” arriva dalla ricerca dal tema ‘Politica e giornalismo nei telegiornali Rai’ condotta dall’Osservatorio di Pavia. Di recente, per esempio, al Tg1 il principale evento-notizia e’ stato rappresentato dalle reazioni al ‘gestaccio’ di Bossi (il dito medio mostrato, ndr) con ben 443 secondi dedicati, mentre nello stesso periodo la BBC alle elezioni in Scozia e alle reazioni alla sconfitta dei laburisti ha dato una copertura di 296 secondi, e in Francia l’adozione della riforma costituzionale ha avuto su France 2 una copertura di 377 secondi, e in Germania lo scandalo dell’agenzia statale KFW con audizione del governo in Parlamento e’ stata coperta dall’Ard per 237 secondi, mentre l’incontro in Spagna tra Zapatero e il suo avversario Rajoy e’ stato ‘coperto’ con 257 secondi. E’ finito da un bel po’ il tempo dei vari Vittorio Orefice, o Ruggero Orlando o Gianni Pasquarelli, che riassumevano in se’ la giornata politica italiana. Oggi i telegiornali Rai sono ‘invasi’ dalla politica: dichiarazioni; commenti; botta e risposta a ripetizione e di chicchessia, dal leader del partito all’ultimo dei peones in Parlamento o fuori dalle Camere; repliche dell’uno al’altro, e poi controrepliche e via dicendo. Tutto si abbatte su chi segue i tg Rai.
Risultato finale: un terzo del notiziario del Tg1, o del Tg2 o del Tg3, e’ assorbito dalla politica nelle sue diverse facce.
Quando invece in Europa il valore scende a un sesto e con un andamento congiunturale, con variazioni notevoli da giornata in giornata e addirittura arrivando anche a zero notizie di politica. La Ricerca dell’Osservatorio di Pavia ha preso in esame un arco di tempo ampio: dal 1967 al 2007, e 231 delle 266 edizioni di telegiornali in onda. E alla quale e’ seguito il confronto con i tg europei (BBC 1, France 2, la tedesca Ard, la spagnola Tve). I risultati sono stati presentati oggi a viale Mazzini, con gli interventi di Giorgio Grossi, docente all’Universita’ “La Bicocca” e direttore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale; di Antonio Nizzoli, responsabile dell’Osservatorio di Pavia; Claudio Petruccioli, presidente Rai, e Claudio Cappon, direttore generale Rai. C’erano anche i direttori dei tre telegiornali di viale Mazzini: Gianni Riotta per il Tg1, Mauro Mazza per il Tg2 e Antonio Di Bella per il Tg3, che hanno provato a rintuzzare: chi chiamando in causa la ‘par condicio’ e definendola una sorta di ‘gabbia’, una ‘prigione’, una ‘cosa assurda’ (Mazza); chi parlando delle novita’ di recente introdotte, come le ‘Morning news’ regionali o la Nightline’ del Tg3 (Di Bella) e chi dicendo “devo prima studiare la ricerca e capire quali siano i campioni presi in esame, e poi dobbiamo intenderci sulla semantica” (Riotta). Tra gli altri che hanno seguito i lavori, anche il consigliere Rai Nino Rizzo Nervo, il direttore di Rai News 24, Corradino Mineo, la direttrice di Rai Teche, Barbara Scaramucci, il presidente della Fnsi, Roberto Natale; il segretario dell’Usigrai Carlo Verna, il quale poi commentera’ “a finirci di mezzo sono i giornalisti, messi sotto pressione da tutte le parti”. Una ricerca che ha preso in esame due settimane (in marzo e in novembre) per ogni decennio dal 1967 al 1987 e poi per ogni quinquennio dal 1992 al 2007. I risultati – ha spiegato il prof. Grossi – evidenziano come i tg degli anni Sessanta manifestino in prevalenza “una finalita’ pedagogico-esplicativa come base del resoconto giornalistico, orientata a descrivere azioni dei soggetti politici tramite notizie scarsamente controversiali, conchiuse e separate tra di loro”. Saranno pure stati argomenti trattati in maniera a volte anche prolissa e con un’esposizione dal ritmo lento, e pero’ il giornalista racconta la giornata politica in prima persona, tentando di spiegarla a un pubblico che trova nel tg l’agenda principale dei fatti del giorno.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi