Go to Top

Ribelli addomesticati

Era un uomo difficile.

Pensava ed agiva in modo diverso da tutti noi. Metteva in discussione ogni cosa.

Era un ribelle, un profeta, uno psicopatico, o un eroe?

“Chi può dire la differenza?”, dicevamo.

“E che importa ad ogni modo?”

Così lo socializzammo.

Gli insegnammo ad essere sensibile all’ opinione pubblica e ai sentimenti altrui.
Facemmo sì che si conformasse.

Ormai era piacevole vivere con lui.

Si era inserito.

Ciò che avevamo realmente fatto era stato insegnargli a vivere secondo le nostre aspettative.

Lo avevamo reso controllabile e docile.

Gli dicemmo che aveva appreso il self-control.

Ci congratulammo con lui per l’ acquisita padronanza di sè.

Anche lui iniziò a congratularsi con se stesso.

Non si rendeva conto che eravamo stati noi a conquistare lui.

Un omone entrò nella stanza affollata e gridò.
“C’ è quì un tizio di nome Luigi?”
Un omino si alzò e disse:
“Sono io Luigi”.

L’ omone quasi lo uccise.
Gli spezzò cinque costole,
gli ruppe il naso, gli fece gli occhi neri,
lo gettò a terra ridotto a uno straccio.
Poi uscì con passo pesante.

Dopo che se ne fu andato, vedemmo stupiti
che l’ omino ridacchiava tra sè e sè:
“Gli ho fatto fare la figura dello stupido”,
si diceva sottovoce.
“Io non sono Luigi! Ah, ah!”.

Una società che addomestica i suoi ribelli ha trovato la pace.
Ma ha perso il suo futuro.

 

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi