Go to Top

Bernanke stamperà 500 miliardi di dollari nei prossimi sei mesi

 

Cari amici,

Nel mondo c’ è un uomo che ha deciso di sfidare le leggi dell’ economia.

Finora non è mai accaduto che una banca centrale iniziasse proditoriamente a stampare moneta, con il fine dichiarato di sostenere l’ economia.

E’ come se un tizio si aggirasse per una polveriera con il cerino acceso, cercando una via d’ uscita.

In questo caso, ciò che potrebbe verificarsi è un’ inflazione galoppante che partendo dagli USA si potrebbe trasmettere ai paesi con altre valute di riferimento.

Un attenzione particolare è necessaria per il mercato Cinese, poichè questo paese è ripieno di dollari, e quindi non è piacevole essere consapevoli di questo tentativo di svalutazione controllata.

Mi chiedo se è possibile coprire dei debiti facendo altri debiti, e mi rispondo che non è possibile.

Ma Bernanke, evidentemente, ha delle opinioni diverse, ed ha pure il potere di metterle in pratica.

Siamo in balìa degli eventi che si svilupperanno nei prossimi mesi.

La domanda è:

Fino a quando il resto del mondo potrà sopportare questo onere di condivisione del debito pubblico americano?

Il sole 24 ore

Dopo la giornata amara di Obama, ora tocca all’uomo della Fed. A quel Ben Bernanke che vuole proseguire sulla strada dell’allentamento quantitativo, della politica monetaria ultra-espansiva. All 19.15 la Federal reserve americana darà l’indicazione sui tassi. Che, si sa, rimarranno invariati. Ciò che verrà indicato, invece, è l’esatta strategia di Bernanke a sostegno dell’economia. Il “famoso” Q2, il quantitative easing 2, l’allentamento quantitativo 2...nella lingua di noi semplici mortali: il nuovo giro di acquisto di titoli di stato da parte della Fed, per immettere altra liquidità nel sistema.

Lo sanno anche i sassi che il consensus di mercato stima un primo intervento da 500 miliardi di dollari nell’arco di 6 mesi. Solo qualche giorno fa lo stesso consensus prevedeva una mossa ben più cospicua. Ma, dopo un articolo del Wsj sulle perplessità all’interno della riserva federale Usa, sempre il consensusha abbassato le sue stime. Ovviamente, pronto a rialzarle se dovesse saltare fuori qualche novità: le stime, ormai, si vendono dietro l’angolo come bustine di droga, tanto il mercato è dipendente da qualsiasi tipo d’informazione.

I contrasti verso Bernanke, che fa “troppo l’Helicopter”, non sono solo all’interno del suo board; dure le critiche di molti paesi che contrastano la politica di eccessivo supporto alla svalutazione del dollaro. Non è un caso che la Banca centrale del Giappone abbia in programa domani la sua riunione del comitato monetario. Sa tanto di: «siamo pronti alla contromossa».

«Come sappiamo dai recenti interventi valutari – dice Richard Woolnough, gestore di M&G Optimal Income Fund – i giapponesi non vogliono che la loro valuta si apprezzi». Quindi, come reagirebbero alla Fed? «Probabilmente facendo ricorso alla semplice teoria economica della domanda e dell’offerta: per mantenere lo yen allo stesso tasso del dollaro, potrebbero semplicemente seguire la Fed stampando una quantità appropriata di yen, manovra che potrebbe essere definita un intervento non convenzionale sui cambi».

Un’attività che, sul fronte, delle obbligazioni potrebbe avere un ben preciso effetto. «Tutto ciò – spiega Woolnough- suona molto inflazionistico e negativo per le obbligazioni. Tuttavia, se la maggior parte del denaro creato in paesi come gli Stati Uniti e il Giappone, e probabilmente la Gran Bretagna (il 70% del Pil del G7), è inizialmente utilizzato per ricomprare debito governativo, allora i mercati obbligazionari potrebbero, alquanto bizzarramente, non avere altra scelta se non il rally, in un ambiente potenzialmente ad alta inflazione».

Bernanke più prudente dopo la sconfitta di Obama?
Al di là del mercato, non va dimenticata la politica. L’indebolimento di Barack Obama dopo l’elezione del mid-term potrebbe indirettamente mettere pressione sul governatore e indurlo ad assecondare strategie più prudenti, rispetto a quelle fin qui messe in campo.

Le aste del tesoro Usa
Anche perché la posizione della Fed è per molti operatori in questo momento «ambigua». Il dipartimento del Tesoro USa, infatti, ha in programma di vendere 72 miliardi di titoli a lungo termine. L’8 novembre ci sarà la prima asta da 32 miliardi; il giorno successivo toccherà a 24 miliardi di bond decennali mentre il 10 novembre saranno messi all’asta 16 miliardi di Treasury trentennali.

Proprio il possibile annuncio di oggi di Bernanke fa della Fed uno degli acquirenti più importanti di questi titoli. Il che crea i dubbi su uno stato che emette debito per ricomprarselo via Banca centrale. In una presentazione dello stesso tesoro Usa si legge che l’allentamento quantitativo della riserva federale permetterà «allo yield dei titoli di rimanere più bassi e alla curva dei rendimenti di appiattirsi nella parte del decennale». Mentre il trentennale dovrebbe, a differenza di quanto indica un po’ provocotoriamente il gestore di M&G, appiattire il suo yield.

L’intervento della Fed, insomma, produrrà effetti sul mercato obligazionario spostando gli investitori sulla parte più lunga della curva.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi