Go to Top

Prescrizione dell’ imposta di registro

L’Art. n.08 c. 10, del D.L. n.16/2012 ha di fatto allungato i termini di prescrizione dell’imposta di registro mediante l’introduzione del nuovo comma 2-bis,
all’Art. n.76, del D.P.R. n.131/1986.

Tale misura prevede che le somme dovute a seguito di accertamento da parte dell’Ufficio ai fini dell’imposta di registro relative a:
– annualità successive alla prima;
– cessioni;
– risoluzioni;
– proroghe;
possano essere richieste, a pena di decadenza, entro il 31/12 del quinto anno successivo a quello di scadenza del pagamento.

Si allunga, quindi, il termine per il recupero che passa dai tre anni ai cinque anni.

Art. n.08 c. 10, del D.L. n.16/2012: All” articolo 76 del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, dopo il comma 2 e’ inserito il seguente: «2-bis. Salvo quanto Decreto-legge del 2 marzo 2012 n. 16 – Pagina 11 previsto nei commi 1 e 2, l’imposta relativa alle annualita’ successive alla prima, alle cessioni, risoluzioni e proroghe di cui all’articolo 17, nonche’ le connesse sanzioni e gli interessi dovuti, sono richiesti, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di scadenza del pagamento.».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi