Go to Top

Perchè i ricchi sono ricchi e i poveri sono poveri?

Cari amici,

in questo periodo di turbolenza finanziaria, mi piacerebbe che ci fossero dei personaggi autorevoli che avessero la possibilità di proporre soluzioni reali, anche se dolorose.

Invece i nostri politicanti, ai miei occhi, non hanno più la credibilità di proporre le soluzioni che sarebbero necessarie.

….e poi ci sono delle domande politiche, le quali cominciano a diventare pressanti:

Perchè esiste la convinzione che gli stati debbano per forza pagare con le tasse gli aiuti a fondo perduto necessari per evitare che le banche falliscano?

….perchè le banche non possono fallire?

Perchè le banche centrali governano l’ economia in modo così autonomo e autoreferenziale?

Perchè i soldi non riescono a finanziare l’ economia reale? Perchè le persone “normali” hanno sempre meno soldi da spendere, nonostante i finanziamenti appaiano così abbondanti?

Perchè esistono delle ricchezze private enormi che si ingrandiscono sempre più in modo quasi automatico, senza che nessuno abbia qualcosa da ridire?

Sono proprio questi patrimoni che attaccano le borse speculando e rubando valore finanziario agli stati, i quali non hanno più strumenti adeguati per far sentire la propria voce.

E’ evidente che stiamo sbagliando strada!

L’ economia, per come oggi è concepita e applicata, favorisce soprattutto le persone più egoiste e aride.

Il mercato assume le stesse leggi della giungla, e chi non si adatta viene mangiato.

Dobbiamo riuscire a ribellarci dalla logica del mercato e del pil, perchè il valore economico non è compreso nell’ attività finanziaria; E’ questo concetto falso e fuorviante che ci obbliga a stare all’ interno della logica attuale, che favorisce i ricchi e condanna i poveri.

E’ bene sapere che l’ economia è potere!

E’ il potere politico che governa l’ economia; le cosiddette “leggi di mercato” sono favole che servono a far star buoni i bambini.

Chi ha potere, automaticamente si prende la disponibilità finanziaria che gli serve, e la usa come vuole.

Il potere del creditore che si rivolge al povero chiedendo di pagare i debiti, è uguale e contrario al potere del povero che chiede al ricco di rinunciare al suo credito, perchè lui (il ricco) ha sbagliato a prestare soldi confidando che il povero non poteva far altro che continuare a pagare.

….ma poi resta la domanda più interessante: Perchè i ricchi sono ricchi e i poveri sono poveri?

Wall Street Italia

New York – La crisi europea è peggio di quella di Lehman Brothers. Parola dell’investitore miliardario George Soros che, in una intervista al New York Times, ammette di temere che la paura più grande è che una grande banca del Vecchio Continente possa fallire. Se un tale scenario si verificasse, si creerebbe infatti un panico finanziario simile a quello del crack scatenato nel settembre del 2008 da Lehman.

Certo, le autorità sanno benissimo che il sistema finanziario europeo è sempre più fragile, e sarebbero disposte a iniettare centinaia di miliardi di euro per prevenire un eventuale fallimento bancario. Ma il punto è che le condizioni in cui versano gli istituti finanziari Ue stanno peggiorando di giorno in giorno, sia perchè i continui sell off sui titoli ne riducono il valore di mercato, sia perchè – ancora peggio – la loro difficoltà ad accedere ai finanziamenti a breve termine è ormai cosa nota. Sono le stesse banche americane a fare dietrofront e a decidere in alcuni casi di non fare più affari con le controparti europee.

“Questa crisi ha il potenziale di diventare peggio di quella di Lehman Brothers – ha detto Soros, riferendosi anche alla mancanza di un’autorità europea che gestisca una crisi bancaria di una tale gravità . Questo è il motivo per cui il problema è così serio”.

Nel disperato tentativo di evitare uno scenario del genere, la Bce ha messo a disposizione nuove linee di credito per le banche che hanno più bisogno di fondi. Ma il punto è che, se fino all’anno scorso si parlava dei problemi delle banche irlandesi e greche, ora l’attenzione e i timori sono rivolti ai giganti finanziari tedeschi e francesi, che hanno una importanza cruciale nel funzionamento del sistema finanziario globale e che sono molto legati alle controparti americane. Che dire poi, si chiede il New York Times, dell’outlook dell’Italia?

Philip Finch, strategist del settore finanziario presso Ubs, afferma: “Sembra che il globalmente il settore bancario sia ferito su diversi fronti. (La situazione) sta decisamente peggiorando. Se il sentiment continuerà a deteriorarsi, alla fine assisteremo a una corsa ai depositi”. E la preoccupazione di Finch non è certo assurda, visto che i depositi presso la Bce delle banche europee sono saliti ai massimi dal 2010.

Finch aggiunge poi che le banche europee hanno bisogno di raccogliere almeno 150 miliardi di dollari in nuovo capitale, in un momento in cui non possono fare più affidamento ai fondi americani che operano nel mercato monetario. Di fatto, i 10 principali fondi attivi sul money market degli Stati Uniti hanno tagliato la loro esposizione sulle banche europee di un ulteriore 9% nel mese di luglio, un valore pari al 9%, dopo una riduzione del 20% avvenuta a giugno.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi