Go to Top

Oggi il Debito Federale USA ha sfondato i 17mila mld USD

Oggi il Debito Federale USA ha sfondato i 17mila mld USD, il Debito Pubblico complessivo a 20mila miliardi

– il Debito Pubblico Federale degli Stati Uniti ha superato la barriera dei 17.000 miliardi di Dollari (il 106,9% del PIL); nel 2008 era a 9.900 miliardi (71,2% del PIL), per cui l’incremento in 5 anni e’ del 71%
– il Debito Pubblico Complessivo degli Stati Uniti (Federale, degli Stati e Locale) ha superato la barriera dei 20.000 miliardi di Dollari (il 125,5% del PIL); nel 2008 era a 12.400 miliardi (88,5% del PIL), per cui l’incremento in 5 anni e’ del 62%

Immagine

Qui l’impressionante andamento del Debito Federale:

Immagine

Diamo uno sguardo all’andamento dell’offerta di moneta TMS 2:

Immagine

In pratica gli USA si sono trasformati in una “stamperia”: devono continuare stampare.

Ma può una tale politica continuare per sempre e sempre senza conseguenze spiacevoli ?

La risposta a questa domanda deve essere un sonoro ‘no’ . Già il sistema bancario degli Stati Uniti ha cominciato a ridurre drasticamente l’emissione di credito inflazionistico, che è un segno che l’economia è strutturalmente danneggiata. In altre parole , se le banche dovessero emettere ulteriore credito dal nulla – qualcosa che potrebbero in teoria fare – lo avrebbero fatto. Semplicemente le attività economiche non sono più in grado di sostenere l’aggiunta di debito di altro debito privato. In realta’ solo le famiglie hanno fortemente ridotto l’enorme carico di credito, non le imprese, e men che mai il governo.

Vediamo il debito complessivo (Pubblico, Imprese, Famiglie)

Immagine

Si nota un rallentamento dopo il 2008 della crescita, anche se nel decennio precedente alla grande crisi, il debito era semplicemente esploso (essenzialmente il debito privato, di famiglie ed imprese)
http://www.scenarieconomici.it/oggi-il- … -miliardi/

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi