Go to Top

Non ci sono pastori nelle selve

“Dal momento che il male vive oltre la tomba,
oh se almeno scorresse fra gli uomini il bene!
Chè la massima parte della gente è strumento
destinato a cadere fra le dita del Tempo.
Non si dica che il tale è persona sapiente,
o che è un capo il tal altro, degno di ogni rispetto:
sono gregge i migliori, e li guida la voce
di funesti pastori; chi non segue è travolto”.

“Non ci sono pastori nelle selve,
nelle foreste non ci sono greggi:
libero intreccia ognuno la sua danza;
inverno passa, primavera avanza.
Per natura gli uomini son schiavi
di colui che disdegna d’ esser schiavo:
s’ alza un giorno costui, e fa per andarsene;
e anche il popolo s’ alza, e gli va dietro.
Ma tu porgimi il flauto, e forte canta!
Poichè è il flauto il pastore della mente,
e la voce del flauto è più durevole
dei ruoli che si affibbiano gli uomini.”

 

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi