Go to Top

Nomina di un nuovo amministratore di condominio senza revoca del precedente, è possibile?

Nomina di un nuovo amministratore di condominio senza revoca del precedente, è possibile?

Avv. Alessandro Gallucci scrive…

L’ amministratore in carica fino alla nuova nomina deve considerarsi revocato e quindi passare i documenti al suo successore.

Spieghiamo perché.

La revoca dell’amministratore, recita l’art. 1129, undicesimo comma, c.c. può essere sempre disposta dall’assemblea e, l’articolo 1136 c.c. chiarisce per deliberarla è necessario il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti e almeno 500 millesimi.

Ciò posto bisogna capire perché è da ritenersi legittima la così detta revoca tacita e quali siano i diritti dell’amministratore dimissionato e quelli dei condòmini eventualmente contrari alla sostituzione.

Per farlo, quindi, è necessario affermare quanto segue: in materia di condominio negli edifici è da considerarsi possibile la revoca tacita di una deliberazione precedentemente assunta per incompatibilità con una nuova decisione del consesso assembleare (cfr. Trib. Milano, 11 aprile 1996, n. 3392; Trib. Napoli 3 gennaio 1998, n. 12).

La giurisprudenza che si è espressa in tal senso ha specificato che ciò è possibile in analogia a quanto previsto dall’art. 15 delle disposizioni preliminari del codice civile (altrimenti detti disposizioni sulla legge in generale) a mente del quale “le leggi non sono abrogate che da leggi posteriori per dichiarazione espressa del legislatore, o per incompatibilità tra le nuove disposizioni e le precedenti o perché la nuova legge regola l’intera materia già regolata dalla legge anteriore”.

Detta diversamente: così come una legge anteriore va considerata tacitamente abrogata se una successiva ha un contenuto incompatibile con essa, allo stesso modo una delibera è da ritenersi sostituita da una di segno opposto o comunque chiaramente in contrasto.

Né, nel caso del condominio, può invocarsi l’omessa indicazione dell’argomento all’ordine del giorno, poiché il punto all’ordine del giorno “nomina dell’amministratore” in presenza di altro legale rappresentante è evidentemente teso alla sostituzione di quello in carica.

Come si evince chiaramente dall’art. 1129, primo comma, c.c., infatti, l’amministratore è unico e non ve ne può essere più d’uno.
Il mandatario così revocato avrà diritto di chiedere il risarcimento del danno nel caso di revoca non fondata su giustificati motivi.
http://www.condominioweb.com/nominare-u … ente.12027

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi