Go to Top

Licenziata per un commento su Facebook

Scrive su Facebook: «Il mio
lavoro è noioso». Licenziata

La frase è costata cara a una teenager inglese, che ha ricevuto il benservito dalla sua azienda

Cari amici,

Ho trovato interessante questa notizia riguardante facebook, poichè questo social network si sta diffondendo con una rapidità impressionante nel nostro paese.

In questo caso una ragazza è stata licenziata, a causa di un commento “inopportuno” da lei lasciato sul suo profilo.

…Mi chiedo:

Quanto la nostra immagine lasciata nei social network si integra con la nostra vita sociale di tutti i giorni?

Quanto siamo consapevoli di ciò che gli altri percepiscono osservando le nostre immagini che pubblichiamo sul Web?

Gli strumenti informatici ci regalano molte opportunità di relazione, ma ci espongono anche ai rischi di una inopportuna e indesiderata diffusione di notizie ed immagini personali.

La privacy non può essere garantita per legge! Spetta a noi circoscrivere e difendere i nostri spazi privati.

Corriere della sera

Quando Kimberley Swann, 16 anni, ha definito «noioso» il proprio lavoro, scrivendolo sulla bacheca della propria pagina di Facebook, non immaginava certo quali conseguenze avrebbe avuto il suo gesto.

LA REAZIONE – Impiegata da soli tre mesi presso una società di logistica – la Ivell Marketing and Logistics –, la ragazza inglese è infatti rimasta di sasso quando il suo titolare le ha consegnato la lettera di licenziamento, che recitava: «In seguito al commento da Lei postato su FB a proposito del Suo impiego, e preso atto della Sua insoddisfazione, l’Azienda ha deciso di interrompere il rapporto di lavoro con effetto immediato». Dal canto suo Kimberley, incredula, ha detto che in quel messaggio non aveva nemmeno fatto il nome dell’azienda.

RISPETTO E PRIVACY – Ma è davvero possibile perdere il posto solo per aver pubblicato online il proprio stato d’animo, una considerazione personale, un’emozione? Nell’epoca dei social network sembra una cosa assurda ma, tant’è, il titolare della Ivell non ha avuto esitazioni, poiché – dal suo punto di vista – esprimere un pensiero del genere su Facebook equivale a scriverlo sulla bacheca aziendale, dove chiunque può leggere e immaginare che per qualche motivo lì non si lavora bene. «E invece noi vogliamo che i membri del nostro staff collaborino in armonia», ha detto Stephen Ivell, che considera il gesto della ragazza «una mancanza di rispetto».

Alessandra Carboni
27 febbraio 2009

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi