Go to Top

L’amministratore sceglie il portiere

L’amministratore sceglie il portiere

Nel nostro condominio, qualche anno fa, è stato sostituito il portiere, che è andato in pensione, con un suo figlio, senza che sia stato deciso nulla dall’assemblea. Tale avvenuta sostituzione è stata comunicata ai singoli condomini con una nota scritta dell’amministratore. A quale azione potrebbe essere esposto l’amministratore che ha ignorato l’assemblea? Nando da Vicenza

Preliminarmente, occorre distinguere tra l’istituzione del servizio di portierato, intesa come decisione relativa alla creazione o alla riattivazione del servizio di portineria, nonché alla scelta del sogget­to più idoneo a ricoprire il relativo ruolo, riservate all’assemblea – anche, perché è bene ricordare che con l’istituzione del relativo servizio si inciderà sulle obbli­gazioni patrimoniali dei condomini, in merito al paga­mento della retribuzione e degli oneri contributivi con­seguenti – e la pura e semplice nomina del portiere, qua­le attività di ordinaria amministrazione, tesa alla mi­gliore utilizzazione e svolgimento del servizio comune che, incontestabilmente, rientra nei compiti dell’ammi­nistratore.

Infatti, in merito a questo ultimo aspetto, si ricordi che tutto ciò che inerisce alle vicende personali del portiere è demandato all’amministratore del condo­minio, il quale ha il compito di provvedere direttamen­te alla relativa regolamentazione nell’interesse comu­ne, in modo da garantire alla generalità degli interessa­ti l’esercizio di un’attività rispondente alle esigenze del­la vita dello stabile, ex articolo 1130, 1° comma, n. 2 – il cui contenuto è sostanzialmente rimasto invariato, an­che dopo la legge di riforma n. 220/2012 – in conformità a quanto disposto dalla legislazione vigente e alla con­trattazione collettiva.

Da quanto appena esposto e in merito alla questione pro­spettata, sembra che nessuna azione possa essere propo­sta nei confronti dell’amministratore, in quanto: la circo­stanza che per tre anni i condomini non hanno sollevato alcuna eccezione in merito alla nomina/sostituzione dell’attuale portiere ha fatto sì che divenisse lecita l’as­sunzione per "facta concludentia", ossia per averla rico­nosciuta nei fatti con il proprio silenzio; inoltre, visto che il rapporto economico (che andrà ad incidere pro quota nei confronti di ciascun condomino) è disciplina­to dal Ccnl, nessuna responsabilità può essere sollevata nei confronti dell’amministratore.

Comunque, è bene ricordare che l’assemblea – organo primario del condominio – ha il potere di revocare la no­mina o chiederne il licenziamento, quando la maggio­ranza dei condomini non condivide le scelte del l’ammi­nistratore o, comunque, non è soddisfatta del servizio espletato dal portiere.
Leggi su: http://www.businessvox.it/il-profession … z2bSHx4KLH

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi