Go to Top

Intercettazioni Berlusconi/Saccà: Gli atti passano a Roma

Intercettazioni Berlusconi/Saccà: atti trasferiti a Roma
L’inchiesta sulle segnalazioni delle attrici a Saccà per le fiction sulla tv di Stato passa nella capitale

Intercettazioni Berlusconi/Saccà: atti trasferiti a Roma
L’inchiesta sulle segnalazioni delle attrici a Saccà per le fiction sulla tv di Stato passa nella capitale

Di chi è la Rai?
E’ nostra o dei partiti?

Personalmente sono stomacato da questa faccenda.

Spero che si troveranno dei rimedi, perchè non è più possibile quest’ andazzo che causa per tutti noi programmi pessimi e informazione “succube” dei potenti.

T.

Corriere della Sera

ROMA – Tutto da rifare. Gli atti del procedimento contro il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per la vicenda di presunte segnalazioni di alcune attrici all’ex direttore generale di Rai Fiction, Agostino Saccà, sono stati trasferiti a Roma.
Lo ha deciso il gip di Napoli, Luigi Giordano, che ha dichiarato la incompetenza territoriale dell’autorità giudiziaria partenopea. Il giudice ha accolto la richiesta dei legali di Berlusconi, gli avvocati Michele Cerabona e Niccolò Ghedini.

L’INCHIESTA – Il provvedimento è stato depositato nella cancelleria del giudice per le indagini preliminari. Il gip, sostenendo che la competenza territoriale è del Tribunale di Roma, non si è pertanto pronunciato sulla richiesta avanzata dal pm Vincenzo Piscitelli di inoltrare al Parlamento l’istanza per autorizzare l’utilizzazione delle intercettazioni telefoniche nei confronti di Berlusconi. Gli atti saranno quindi trasmessi alla Procura della Repubblica di Roma che dovrà riesaminare la vicenda giudiziaria. L’autorità giudiziaria della capitale sarà chiamata anche a pronunciarsi sulla distruzione delle telefonate di carattere privato o comunque ritenute irrilevanti sotto il profilo processuale. Nell’ambito dell’inchiesta, Berlusconi è accusato di corruzione in concorso con Saccà per le segnalazioni delle attrici da inserire nei cast di fiction prodotte dalla Rai.
I legali di Berlusconi nell’udienza preliminare di venerdì scorso avevano portato all’attenzione del gip Luigi Giordano i risultati di una indagine difensiva in base alla quale le telefonate «cruciali» per il reato contestato agli indagati erano avvenute mentre i due interlocutori erano a Roma.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi