Go to Top

Il palazzo condominiale va assicurato?

Il palazzo condominiale va assicurato?

Contrariamente a quanto comunemente si crede, l’amministratore di condominio non è tenuto ad assicurare l’edificio sia con una polizza per eventuali responsabilità civili per danni arrecati a terzi (per esempio: la lesione provocata da una tegola caduta a terra; la caduta dalle scale, ecc.), sia per la conservazione delle parti comuni dell’edificio in caso di calamità naturali (per esempio: un’alluvione che possa pregiudicare gli appartamenti posti al piano terra o i garages).

Secondo la Cassazione [1] l’amministratore non è legittimato a concludere il contratto di assicurazione del fabbricato a meno che non abbia ricevuto l’autorizzazione dall’assemblea dei condomini o qualora tale obbligo scaturisca da una clausola contenuta nel regolamento condominiale.

Ovviamente, in caso di inerzia dell’amministratore, i condomini che lo riterranno opportuno possono sempre stipulare, per proprio conto, una polizza assicurativa avente ad oggetto le rispettive proprietà esclusive e le corrispondenti quote di proprietà comune.

In tal caso, qualora si verifichi il sinistro, l’assicurazione sarà chiamata a risarcire i condomini assicurati per la loro quota di danno, mentre i condomini non assicurati ne risponderanno o subiranno il danno personalmente.

Le spese per l’assicurazione dell’edificio condominiale vanno ripartite tra tutti i condomini assicurati in modo proporzionale, cioè in base alle quote millesimali di comproprietà, a meno che il regolamento di condominio disponga diversamente. Polizza o non polizza, resta che l’amministratore – in caso di danni al fabbricato – è tenuto per legge [2] a eseguire gli atti conservativi delle parti comuni dell’edificio in modo da garantire l’integrità e la stabilità dello stesso, nonché evitare qualsiasi pregiudizio alle proprietà individuali (per es.: riparazione dei muri portanti, di tetti e lastrici).

A tal fine egli è tenuto anche ad attivare le azioni giudiziali necessarie per preservare i diritti dei condomini (per esempio: azioni contro comportamenti illeciti posti in essere da terzi) necessari per la salvaguardia della integrità dell’edificio.
[1] Cass. sent. n. 15872 del 6.07.2010, sent. n. 8233 del 3.04.1997 e sent. n. 15735 del 13.08.2004. [2] Art. 1130, n. 4 cod. civ.
http://www.laleggepertutti.it/59735_il- … S4KJM.dpuf

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi