Go to Top

Il nodo cruciale della crisi europea

Il nodo cruciale della crisi europea

28 luglio 2013 (MoviSol) – Traduciamo per i lettori una recente dichiarazione di Lyndon H. LaRouche, Jr. sulla crisi in Europa.

Nessuna valutazione ordinaria della situazione in Europa è attendibile per l’immediato futuro. La battaglia che i miei collaboratori ed io stiamo conducendo contro Wall Street e Londra è giunta al culmine, e potrebbe condurre al successo, diretto o indiretto, della nostra campagna per la Glass-Steagall nelle prossime settimane.

Se la banda di Wall Street e Londra subisse una sconfitta, con un voto a favore del ripristino della legge Glass-Steagall al Congresso, sarebbe possibile una soluzione negoziata; altrimenti, la situazione in tutta la regione transatlantica diventerebbe catastrofica a breve termine, anche durante le elezioni. La situazione in Europa centrale e orientale è lievemente diversa: attualmente è il sistema dell’Euro a rischiare di fare una brutta fine a breve termine.

L’errore di calcolo a cui continua ad essere soggetta la comunità transatlantica è la fiducia nel presupposto, del tutto errato, secondo cui sarebbe possibile sostenere una soluzione, o quasi-soluzione monetarista anche solo a breve termine in questa regione. L’unica opzione disponibile al momento sono i valori fisici, non quelli monetari. L’indebitamento monetarista transatlantico non è più sostenibile.

In quest’ultimo caso, la questione cruciale è che l’elemento imperiale anglo-olandese in Europa, unito a Wall Street, si vedrebbe costretto a rinunciare a tutti i titoli nominalmente finanziari che detiene nel sistema transatlantico. In questo caso, per il quale i principali tiranni finanziari di Londra e Manhattan sono preparati, gli interessi imperiali summenzionati ripudierebbero il proprio debito puramente nominale, scatenando un’estinzione di massa tra le file delle popolazioni in Europa e nelle Americhe, ma soprattutto nel Nord America.

Questo debito potrà mai essere ripagato?

Mi spiego: alle condizioni che ho indicato, il debito esistente della comunità transatlantica a cui ho fatto riferimento non potrà mai essere ripagato. Quindi, se lasciamo fare agli ambienti monetaristi-imperialisti anglo-olandesi, essi abbandonerebbero improvvisamente tale debito in tutta la comunità transatlantica. Così facendo, otterrebbero la riduzione della popolazione del pianeta, all’improvviso, da sette miliardi a un miliardo di abitanti o ancor meno. La tragica crisi che si estese da Venezia a tutta l’Europa durante il Medioevo è il miglior esempio di una simile improvvisa crisi da collasso in tutto il settore europeo.

Il fattore cruciale in tale situazione è il fatto che la popolazione delle regioni transatlantiche crede assai stupidamente che "loro", i poteri finanziari citati, "non oserebbero consentire un simile crollo demografico". La popolazione è quindi minacciata dalle proprie illusioni, che la lasciano nell’inconsapevolezza. Se la popolazione fosse consapevole di tale intenzione, strapperebbe al potere oligarchico i mezzi per la propria sopravvivenza. Non si eviterebbero grandi sofferenze alla popolazione europea ed americana (in particolare), ma la minaccia all’oligarchia costringerebbe quest’ultima a condividere la sofferenza, ed anche ad accettare l’eliminazione del suo potere relativo.

Sono brutte notizie quelle che vi porto, ma è l’unica verità disponibile, se non riusciremo ad opporci agli interessi oligarchici anglo-americani ripristinando la legge Glass-Steagall per cui ci siamo impegnati io, i miei collaboratori e larga parte della popolazione americana.

Wall Street è già in uno stato di isteria per quello che siamo riusciti a fare io ed i miei collaboratori. Giudicate la realtà tenendo presente questo.
http://www.movisol.org/13news126.htm

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi