Go to Top

I mercati USA hanno raggiunto un livello stabilmente elevato

Cari amici,

L’ incremento degli utili delle aziende americane e’ il piu’ alto da piu’ di un secolo e sono destinati a superare i massimi del 2007 di $90 per azione realizzati nel terzo trimestre dopo i minimi di $7 di marzo 2009.

Questi risultati sono così strabilianti da apparire sospetti.

Anzi, se posso sbilanciarmi, io non ci credo a questi dati.

I mercati finanziari USA stanno ballando sull’ orlo dell’ abisso perchè l’ andamento è sostenuto soltanto dalla politica demenziale della Fed, ossia dalla stampa ossessiva di biglietti verdi; l’ incremento del prezzo del petrolio non giustifica l’ ottimismo che appare dai dati americani; il disastro giapponese è ancora di dimensioni sconosciute dal punto di vista delle conseguenze economiche mondiali.

Questo incremento non ha nessun fondamento reale; si tratta soltanto di un incremento di valore finanziario che ingrassa le tasche degli speculatori.

Noi residenti saremo costretti a pagare questa politica dissennata che produce nuvole sempre più nere all’ orizzonte.

L’ Unione Europea non riuscirà a contenere questa bufera finanziaria che si sta preparando sui mercati finanziari USA e sulla valuta americana.

E sui giornali italiani non si scrive neanche un rigo su questo argomento.

Wall Street Italia

Malgrado il rally del 97% messo a segno dall’S&P, non e ancora giunta l’ora di abbandonare il treno azionario. L’incremento degli utili e’ il piu’ alto da piu’ di un secolo e sono destinati a superare i massimi del 2007 di $90 per azione realizzati nel terzo trimestre dopo i minimi di $7 di marzo 2009.

Si tratta della ripresa piu’ rapida e consistente da almeno il 1900, secondo i dati raccolti da S&P e Robert Shiller della Yale University e riportati da Bloomberg. Il gap tra le stime sui profitti di 12 mesi e la media degli utili scoeitari degli ultimi 10 anni e’ vista ampliarsi dal 1951.

PNC Wealth Management, Federated Investors e ING Investment Management, che nel complesso gestiscono $1.000 miliardi per la clientela, sono convinti che le spese al consumo spingeranno la ripresa dell’economia dopo che le iniziative di rilancio del governo hanno contribuito ad aumentare i profitti societari dai minimi dai tempi della Grande Depressione toccati i primi di marzo di due anni fa.

Anche se gli utili diminuiranno nella seconda meta’ dell’anno, i titoli azionari acquistati dagli investitori che hanno perso il rally dell’S&P di quasi il 100% registrato negli ultimi due anni alimenteranno i guadagni, secondo quanto riferito da Leuthold Group.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi