Go to Top

Giovanardi, la droga, il buon senso di tacere!

Cari amici,

Ieri Anno Zero ha provato ad approfondire i problemi sociali derivanti dal mondo della droga.

Mi è sembrato un tentativo ragionevole e riuscito, e mi sembra davvero eccessivo l’ intervento odierno di Giovanardi.

Non si capisce più il significato del termine “vergognoso”, che viene utilizzato per liquidare velocemente le opinioni scomode che squotono i pensieri dei “benpensanti”.

Ieri ho visto la trasmissione, e posso testimoniare che non è vero che la droga è stata presentata come “antidepressiva”.

Il punto della questione è che la nostra società fa di tutto per “conformarci” in una logica antiumana che ci costringe a “guerreggiare” in un mondo ostile.

La giustizia è continuamente oltraggiata da chi ha il potere di imporsi, e l’ unica legge veramente autoreferenziale che emerge è quella degli interessi economici prevalenti.

Giovanardi, e la gente come lui, dovrebbe riflettere su quanto un perbenismo ottuso può contribuire a peggiorare lo stato di cose nel nostro paese, per cui è consigliabile avere un atteggiamento aperto e riflessivo invece che ottuso e intransigente.

Corriere della sera

ROMA – Annozero fa il botto di ascolti, accende i riflettori sul tema della droga ospitando in studio il cantante Morgan (escluso da Sanremo dopo la sua ammissione di fare uso di stupefacenti) e fa andare su tutte le furie Carlo Giovanardi, sottosegretario responsabile del Dipartimento nazionale antidroga.

LETTERA A ZAVOLI – L’esponente del governo ha scritto al presidente della Commissione di vigilanza della Rai, Sergio Zavoli, per denunciare la «scandalosa» trasmissione di Annozero di ieri sera. «Una tv di stato – ha affermato Giovanardi – ha fatto la propaganda alla droga. Sembrava una specie di fumeria d’oppio». Il sottosegretario ha criticato, per lo stesso motivo, anche la trasmissione di Piero Chiambretti su Italia1. Nel corso del programma Morgan ha avuto modo di cantare la canzone che avrebbe presentato al Festival e ha ricevuto il sostegno da Adriano Celentano. Tuttavia l’ex leader dei Bluvertigo ha ribadito come il crack funzioni effettivamente come antidepressivo.

Il sottosegretario Giovanardi (Lapresse)
Il sottosegretario Giovanardi (Lapresse)

«NIENTE INNI ALLA DROGA» – «È inutile – ha però spiegato Giovanardi, intervenendo ad un convegno sulla sicurezza stradale – che il dipartimento faccia politiche attive per la formazione e la prevenzione dell’uso di droghe. Che i Sert e le comunità siano impegnati al recupero di 150 mila ragazzi se poi, come ieri sera, nella trasmissione di Santoro assistiamo ad una sorta di fumeria d’oppio, di elogio della droga. La stessa cosa si può dire della trasmissione di Chiambretti su una rete Mediaset. È come se di fronte ad un’epidemia, si incita la gente ad ammalarsi». A suo avviso, si tratta di «disinformazione ed inno alla droga». Fra l’altro, Annozero «ha dato rilievo ad un personaggio come Morgan e ad un filosofo da strapazzo, persone che danno messaggi contrari alle conoscenze scientifiche». Di fronte a questi messaggi tv, «mi chiedo quindi, cosa dobbiamo fare noi?». Giovanardi, ricordando che l’uso di alcol e di droghe è una delle prime cause degli incidenti stradali, ha anche reso noto di aver convocato il parlamentino del dipartimento con all’ordine del giorno proprio questo argomento.

LA POSIZIONE DELL’AIART – Anche l’associazione dei telespettatori cattolici Aiart ha preso posizione sulla puntata: «Annozero ha sbagliato nel continuare a presentare il consumo di droga come un antidepressivo, come un’usanza in voga tra molti giovani. Serve più accortezza nell`affrontare tali temi» ha detto il presidente Luca Borgomeo. «Riportare poi Morgan in tv ci sé sembrato superfluo – continua Borgomeo – Probabilmente ha ottenuto più popolarità in questo modo che con le sue canzoni».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi