Go to Top

Debito pubblico arriva a € 1.757.534 milioni di euro

Banca d’Italia: il debito pubblico tocca nuovo record ad agosto

Cari amici,

Era da tempo che il debito pubblico non conquistava la prima pagina dei giornali.

La notizia di oggi è che il debito pubblico in Italia ha raggiunto ancora un nuovo record.

Mi domando cosa aspettano i nostri politicanti a decurtarsi lo stipendio in misura sensibile e proporzionale alla gravità della crisi che stiamo attraversando.

Questo provvedimento darebbe un segnale di responsabilità che i cittadini gradirebbero.

Si rinsalderebbe un pochettino il rapporto tra cittadini e stato, il quale, specie nell’ ultimo anno, si è andato incrinando sempre di più.

Il debito pubblico è causato dalla cattiva gestione dello stato.

Pertanto è colpa di lor signori politicanti se abbiamo così tanti debiti con ……con chi??

Questa è una bella domanda!!

A chi dobbiamo restituire questa montagna di soldi?

Chi ce l’ ha imprestata??

Se i soldi sono dello stato, perchè lo stato li deve restituire?

Se i soldi non sono dello stato, allora di chi sono??

….ma sto divagando, o forse sto vaneggiando oppresso dai debiti che gravano anche sulle mie spalle!

Il sole 24 ore

Il debito pubblico sale ancora e tocca un nuovo record ad agosto a quota 1.757.534 milioni di euro. È quanto emerge dal supplemento finanza pubblica del Bollettino Statistico della Banca d’Italia. Secondo i dati di Palazzo Koch, inoltre, le entrate fiscali dei primi otto mesi dell’anno si sono attestate a 250,961 miliardi di euro, il 2,5% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi