Go to Top

Condomìni ecologici uniamoci!

Ecco il primo condominio a bollette zero
Arrivano le energie rinnovabili

Addio bollette del metano e preoccupazioni per conguagli inaspettatamente elevati, ora ci si potrà scaldare esclusivamente con le energie rinnovabili. E tutto questo non avverrà magari nel 2030 e chissà in quale parte del mondo, ma a Follonica e a settembre, quando sarà inaugurato il primo ‘condominio ecologico’ d’Italia

Cari amici,

Pubblico volentieri questa buona notizia, perchè abbiamo tutti bisogno di “buone notizie”.

Mi piacerebbe intraprendere iniziative di questo tipo a Milano, proponendo alle assemblee di sostituire le caldaie vecchie e obsolete, con “nuove” caldaie capaci anche di produrre energìa elettrica, ma ancora non è possibile, per due ragioni:

1) Le norme sono troppo complicate, e fatte in modo da “mantenere” il monopolio della vendita di energìa elettrica.

2) Inoltre è ancora molto difficile mettere in comunicazione i condòmini che abitano vicini, perchè tutti tendono ad isolarsi: Sia ogni condomìnio, sia ogni amministratore.

Pertanto, restando divisi e “lontani”, non contiamo nulla politicamente, e siamo costretti a restare fermi, soli ed indifesi.

Per fortuna che oggi ci pensiamo noi della Community AziendaCondomìnio a cambiare le cose!

La Nazione

Grosseto, 25 marzo 2009 – Addio bollette del metano e preoccupazioni per conguagli inaspettatamente elevati, ora ci si potrà scaldare esclusivamente con le energie rinnovabili. E tutto questo non avverrà magari nel 2030 e chissà in quale parte del mondo, ma a Follonica e a settembre, quando sarà inaugurato il primo ‘condominio ecologico’ d’Italia. In riva al Golfo, infatti, sta per essere realizzato il primo palazzo (nelle foto) in cui la produzione del cento per cento di energia adibita a riscaldamento e a rinfrescamento e anche la produzione di acqua calda sanitaria si otterranno sfruttando esclusivamente energia rinnovabile. Una vera e propria rivoluzione, con conseguente notevole risparmio per le famiglie follonichesi che a settembre andranno ad abitare i venti appartamenti del palazzo, attualmente in costruzione in via Ugo Bassi, esattamente nel lotto 2 dell’area Peep.

Un palazzo ecologico e risparmioso che è nato dalla collaborazione tra la ditta costruttrice, ovvero la Cooperativa l’‘Avvenire’, presieduta da Piergiorgio Romagnoli, e lo ‘Studio Ecogeo’ di Siena. E a spiegare come tutto ciò sia possibile è il geologo Giacomo Biserni, che ha curato il progetto. “La produzione di riscaldamento, rinfrescamento e acqua calda — ricorda il dottor Biserni — avverrà utilizzando l’energia della terra, ovvero la geotermia a bassa entalpia: Il sistema fotovoltaico invece consentirà di produrre l’energia elettrica necessaria al locale geotermico per trasmettere il riscaldamento, il rinfrescamento e l’acqua calda all’interno dei venti appartamenti. Fondamentale poi perché questa energia non si disperda è l’utilizzo, nella costruzione, di materiale ad elevata efficienza energetica”.

Il pensare comune è che queste energie alternative possano anche funzionare ma che siano sconsigliabili per i costi eccessivi. Niente di più falso: ciascuna delle venti famiglie ha pagato circa 250mila euro per avere un appartamento di 80 metri quadrati, un garage e un giardino, ma soprattutto una casa a bollette zero. Ma c’è di più: le venti famiglie follonichesi riceveranno anche un incentivo economico (pari a circa 700 ero annue per nucleo familiare) rappresentato dal contributo erogato da Gse per l’utilizzo di energia fotovoltaica.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi