Go to Top

Cedolare secca al 15% per i contratti a canone concordato

Cedolare secca al 15% per i contratti a canone concordato

Una settimana all’appuntamento con la seconda, o unica, rata di acconto della cedolare secca. Entro il 2 dicembre (il 30 novembre cade di sabato) i proprietari immobiliari dovranno versare il suddetto acconto al 95%, percentuale confermata che dunque non ha subito aumenti.

Chi ha pagato la prima rata di acconto pari al 38% entro il 17 giugno, o l’8 luglio in caso di studi di settore, adesso deve pagare il restante 57%. Il metodo da applicare è quello storico determinando l’acconto complessivo del 95%, calcolato sulla cedolare dovuta per il 2012, e poi sottraendo quanto già versato come prima rata.

È possibile invece applicare il metodo previsionale, calcolando il 95% della cedolare effettivamente dovuta per i mesi di affitto del 2013, in alcuni casi particolari: appartamento affittato nel 2012 con cedolare secca, il cui contratto è cessato nel corso del 2013 e l’immobile è rimasto sfitto; contratti a canone concordato, per i quali l’aliquota della cedolare è stata ridotta dal 19% al 15% a partire dal 2013, sulla base del D.L. del 31 agosto 2013, n. 102.

Nell’ultimo caso il contribuente può procedere con il riconteggio dell’acconto della cedolare con il metodo previsionale, considerando quindi la nuova aliquota del 15% invece del 19% applicato per il 2012.
http://www.lastampa.it/2013/11/25/itali … agina.html

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi