Go to Top

Bossi, Il "ministro" insulta l’ inno nazionale

Bossi: Gestaccio contro l’inno d’Italia
Il leader arringa i delegati al congresso della Liga Veneta-Lega Nord; “Mai schiavi di Roma. Il Lombardo-Veneto può abbattere gli Stati”

Bossi: Gestaccio contro l’inno d’Italia

Ma perchè mi tocca leggere queste cose?
Questo “signore” si prende un sacco di soldi al mese da noi, e si permette di “sputare” nel piatto dove mangia?

Ma fino a quando sarò costretto a vedere questa gente che rovina la civile convivenza “sobillando” i poveracci con il mito della “paura” del diverso?

Ma la vogliamo finire di “inventare” queste sceneggiate con il solo scopo di far parlare di se e del cosiddetto “movimento”?

Ragazzi: Questo tizio è un “ministro”!
Questo tizio, che in un paese normale “forse” troverebbe posto come parcheggiatore, è nella “nostra” stanza dei bottoni.

….E’ ora di finirla!

T.
La Repubblica

PADOVA – Apre al Pd e sbeffeggia l’inno di Mameli. Poi se la prende con “i professori che non vengono dal nord”. Umberto Bossi arriva al congresso della Liga Veneta-Lega Nord e usa toni concilianti verso i democratici: “C’è spazio, siamo pronti ad accogliere le proposte del centrosinistra sul federalismo. Da parte nostra non ci sarà una chiusura al Pd e a Veltroni”. Parole che arrivano dopo che ieri il Senatur aveva dichiarato la sua piena sintonia con Silvio Berlusconi sulla riforma della giustizia. Con cui, oggi, non si è ancora sentito: “Mi sembra abbia altro da fare in questo momento”.

Poi Bossi sale sul palco e arringa i delegati. Il primo affondo, accompagnato da un inequivocabile dito medio alzato, è contro l’inno di Mameli: “”Non dobbiamo più essere schiavi di Roma. L’Inno dice che ‘l’Italia è schiava di Roma…’, toh! dico io”. Secondo affondo contro lo Stato “fascista”: “E’ arrivato il momento, fratelli, di farla finita”.

Poi tocca al federalismo. Il leader del Carroccio si dice favorevole alla perequazione tra le regioni più ricche e quelle più povere. Ma con criteri diversi da quelli attuali: “Deve essere una perequazione giusta, non come è adesso, dove chi più spende più ha soldi dallo Stato. E’ una truffa, è uno schifo”.

Capitolo scuola. Per Bossi è ora di dire basta “al far martoriare i nostri figli da gente che non viene dal Nord. Un nostro ragazzo è stato ‘bastonato’ agli esami perché aveva portato una tesina su Carlo Cattaneo”. Quindi Bossi chiama al suo fianco la parlamentare leghista Paola Goisis, della commissione Cultura della Camera, che rilancia: “Gli studenti italiani sanno tutti i sette re di Roma ma non sanno neppure un nome di un doge della Repubblica Serenissima”.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi