Go to Top

B&B, per aprire non è richiesto l’ OK del condominio

Il condomino che intende avviare un’attività di bed and breakfast non deve richiedere alcuna autorizzazione all’as­semblea condominiale, né de­positare autorizzazioni di que­sto genere al Comune al mo­mento dell’avvio.

Il proprietario dell’apparta­mento deve però verificare che il proprio regolamento condominiale non contenga comunque divieti di svolgere un’attività di bed and bre­akfast (o un’attività a esso ri­conducibile, come pensione a affittacamere). Sulla prima questione si è espressa la Corte costituziona­le con sentenza numero 369 del 14 novembre 2008, dichia­rando l’incostituzionalità di una norma della Regione Lom­bardia che subordinava l’apertura di un bed and breakfast al­l’autorizzazione dell’assem­blea condominiale.

La Corte costituzionale ha evidenziato come i rapporti tra condomini siano regolati dal Codice civile, norma di rango statale. Una legge regio­nale non può quindi interveni­re assegnando all’assemblea dei condomini poteri ulteriori a quelli stabiliti dal Codice ci­vile. Con l’occasione, la Corte ha anche ricordato che non si possono «porre limitazioni al­la sfera di proprietà dei singoli condomini, a meno che le pre­dette limitazioni non siano specificatamente accettate o nei singoli atti d’acquisto o me­diante approvazione del rego­lamento di condominio.

È quindi necessario che le even­tuali limitazioni (ad esempio il non adibire il proprio appar­tamento a bed and breakfast) siano contenute nei regola­menti di condominio di natu­ra contrattuale, cioè in quelli predisposti dai costruttori dell’immobile prima della ven­dita dei singoli appartamenti (ed espressamente richiamati negli atti di vendita), oppure in quelli approvati e sottoscrit­ti da tutti i condomini.

Sulla seconda questione si segnalano alcune sentenze (Tribunale Torino, 13 ottobre 2009 e Cassazione, 23 ottobre 2010, numero 26087) che hanno pari­ficato l’attività del b&b a quel­la di affittacamere e pensione e quindi hanno ritenuto appli­cabile il divieto contenuto nei regolamenti condominiali di natura contrattuale, anche se l’attività di bed and breakfast non era espressamente citata.
http://www.businessvox.it/il-profession … z2S1WMyoI7

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi