Go to Top

Amministratori, parcella in «chiaro»

Amministratori, parcella in «chiaro»

La Cassazione, con la sentenza 22313 depositata il 30 settembre scorso, è tornata a occuparsi del compenso dell’amministratore di condominio per i lavori straordinari.

La prassi e le sentenze

Di norma, si ritiene che il compenso stabilito forfettariamente in occasione dell’assunzione o del rinnovo dell’incarico sia limitato alla gestione ordinaria (che include, ad esempio, spese amministrative, servizi condominiali, piccola manutenzione, energia, acqua) ma non comprenda la gestione di lavori straordinari («lavori di rilevante entità» per il Codice civile), da liquidare a parte, in genere in percentuale sul costo dei lavori.

Ma l’orientamento della giurisprudenza (a parte alcuni precedenti di merito) va nel senso che, se l’assemblea non approva espressamente il compenso straordinario, nulla è dovuto all’amministratore.

Quindi, il compenso pattuito all’assuzione dell’incarico annuale comprende ogni attività, anche relativa alla gestione di manutenzione di rilevante entità delle parti comuni.

La riforma

La riforma del condominio (legge 220/2012, in vigore dal 18 giugno scorso) ha cercato di arginare gli abusi di alcuni amministratori che, raggiunto l’accordo sul compenso per la gestione ordinaria, al momento dell’approvazione inseriscono nel consuntivo altre spese, ad esempio, per partecipazione ad assemblee straordinarie, gestione sinistri, stampa rendiconti. Il nuovo articolo 1129 del Codice civile stabilisce che l’amministratore,

in occasione della nomina o del rinnovo, debba analiticamente specificare l’importo dovuto per la sua attività, a pena di nullità della nomina.

Certo, sarebbe stata preferibile una formulazione meno radicale, che prevedesse l’inesigibilità delle voci del compenso non indicate espressamente.

In teoria, questa disposizione rischia di fare dichiarare nulla la nomina dell’amministratore che non specifica, in maniera minuziosa, tutte le possibili voci, il che è praticamente impossibile.

La norma dovrebbe quindi essere interpretata nel senso che è nulla la nomina se la specifica del prezzo non sia determinata o determinabile o lasci spazio ad abusi.

Il preventivo

Sono due i tipi di preventivo che possono essere presentati all’assemblea. Il primo è "modulare" e consiste nell’elenco analitico delle attività con un prezzo per ognuna.

Il secondo è a forfait, con un prezzo comprensivo di tutta l’attività.

In genere, per non avere brutte sorprese, i condomini preferiscono il preventivo forfetizzato; quello modulare non ha invece avuto fortuna, se non nella forma attenuata, che prevede un prezzo forfetizzato, ma con diverse attività indicate come "extra", come le assemblee straordinarie.

Un preventivo misto non dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere sanzionato con la nullità della nomina se riporta la clausola per cui è compresa nel prezzo forfettizzato ogni attività non indicata a parte, in modo da evitare che il prezzo lieviti in occasione del consuntivo.

Per quanto concerne i lavori di rilevante entità, il candidato amministratore potrà presentare, nel suo preventivo, una quota percentuale sull’importo di eventuali opere ma tale proposta dovrà essere espressa all’accettazione dell’incarico o del rinnovo e non potrà essere rimandata all’approvazione dei lavori.
http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e- … d=AbW6s5tI

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi