Go to Top

ALITALIA: Ancora scioperi!

Trasporto aereo, nuova giornata di disagi
La precettazione riporta assistenti e piloti al lavoro, ma molti equipaggi sono incompleti. Voli cancellati a Roma e Milano

Cari amici,

Trovo disagio a commentare questa notizia, simile a tante altre che ho già letto in passato.

La triste vicenda della nostra ex compagnia di bandiera ci assomiglia e ci condanna ad affogare tutti nel nostro egoismo e nella mediocrità delle nostre piccole beghe quotidiane.

Come sempre hanno tutti ragione, ma c’ è sempre chi ha “più ragione” degli altri!

In questo caso chi ha “più ragione” è chi ha messo i soldi per rilevare l’ azienda.

La posta è sul tavolo: I dipendenti vogliono “vedere” l’ apertura e scioperano!

In questa prova di forza, l’ ostaggio sono i “clienti” che soffrono file e ritardi, e la controparte è il governo che potrebbe “favorire” l’ accordo con il classico “aiutino” (magari sottobanco).

Mi consolo pensando che tutto il mondo è paese!

Anche negli Stati Uniti le cose si stanno mettendo più o meno nello stesso modo, con grandi aziende che minacciano di licenziare se non otterranno aiuti finanziari a “fondo perduto”.

Mi chiedo se Alitalia fallirà!

….non so! …e francamente a questo punto non mi interessa neanche.

Ormai credo che qualunque soluzione definitiva sia preferibile al procrastinarsi di questa triste commedia.

Corriere della Sera

ROMA – Un’altra giornata di passione attende i viaggiatori in partenza con i voli Alitalia. Nonostante la precettazione decisa dal governo, dopo l’indizione di 24 ore di sciopero senza preavviso da parte di assistenti di volo e piloti – una mobilitazione decisa al termine di un’assemblea e non appoggiata dalle sigle sindacali – la giornata si è aperta con alcune cancellazioni di voli. A Fiumicino si è incominciato con due voli annullati in partenza e due in arrivo; a Milano Linate le cancellazioni sono state già otto. E’ però molto difficile prevedere quanti potranno essere nell’arco della giornata perché fino all’ultimo momento la compagnia non è in gradi di sapere con certezza quali equipaggi vengono completati e quali no. La conseguenza è che molti passeggeri vengono comunque fatti avviare ai gate di imbarco, senza però la certezza di una effettiva partenza.

PROCEDURE AL RALENTY – La situazione è destinata a peggiorare perché al di là dell’obbligo di rientro al lavoro imposto dall’autorità, occorre fare i conti con le mancate partenze avvenute ieri che in diversi scali rendono impossibile la composizione degli equipaggi. Secondo alcune indiscrezioni raccolte da SkyTg24 potrebbero essere a rischio almeno la metà dei voli previsti a Fiumicino. Situazione analoga per gli scali milanesi e delle altre grandi città. A compromettere l’operatività degli aeroporti potrebbe contribuire la decisione dei lavoratori di aggirare la precettazione attuando una diversa forma, legale, di mobilitazione. Vale a dire l’applicazione pedissequa delle procedure previste dai manuali, che comporta un allungamento di tutti i tempi di imbarco e decollo, con conseguente impossibilità di garantire partenze regolari.

NOTTE ALL’AEROPORTO – Restano intanto la rabbia e le perplessità dei passeggeri rimasti a terra. Molti di loro si sono sfogati ai microfoni di radio e televisioni, esprimendo rabbia nei confronti della mobilitazione selvaggia e arrivando in acluni casi ad auspicare perfino la chiusura della compagnia. A Fiumicino in molti hanno trascorso la notte dormendo per terra o sulle panchine delle sale d’attesa, aspettando di avere notizie circa un possibile riposizionamento su altri voli in partenza quest’oggi. A Linate nelle prime ore della mattina si è invece registrato un insolito calo di presenze, con diversi banchi – soltamente affollati, soprattutto di viaggiatori pendolari sulla tratta Milano-Roma – quasi deserti. Per contro si è registrato un aumento delle prenotazioni di biglietti per il tragitto in treno con gli Eurostar.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi