Go to Top

Trichet fa la predica alle banche, …ma chi ci crede?

«Usa ed Europa ancora sotto stress»
Trichet: «Le banche siano trasparenti e finanzino l’economia reale. No ad ampi dividendi o bonus»

Cari amici,

E’ esilarante immaginare che Trichet faccia “la predica” alle banche, come se fosse il buon prete che invita alla preghiera i fedeli.

Secondo lui le banche dovrebbero “evitare di distribuire ampi dividendi, pacchetti remunerativi o bonus”!,

….e perchè non dovrebbero dividersi il “bottino”?

Sarebbe come chiedere ai lupi di diventare vegetariani!

Le banche sono aziende a fine di lucro, e tali resterranno fino a che i governi lo permetteranno.

Non si può sperare che le banche si autoregolamentino, così come è illusorio immaginare che il nostro sistema politico si riformi in modo da far contare di più i cittadini e di meno i partiti.

Chi assume il potere lo esercita fino a che è possibile con tutti i mezzi disponibili, sia in un governo piccolo come un’ amministrazione di condominio, sia in un governo esteso ed incontrollato come il sistema finanziario mondiale.

Trichet è troppo intelligente per non saperlo!

Certo che oggi gli torna comodo raccontare le storielle per tener buoni i bambini.

Corriere della sera

MILANO – L’Eurozona ha tenuto alla crisi in maniera solida anche se «siamo ancora sotto stress». Lo ha affermato il presidente della Bce, Jean Claude Trichet, in un panel a Davos insieme al premier greco Papandreu e al premier spagnolo José Louis Zapatero durante il World Economic Forum. «Abbiamo ancora lezioni da trarre dalla crisi – ha aggiunto Trichet – ma voglio ricordare che il Patto di stabilità e di crescita ha funzionato anche se permanentemente dobbiamo chiamare al rispetto rigoroso degli accordi».

TRASPARENZA – Il presidente della Bce ha poi lanciato un ammonimento alle banche: devono essere più trasparenti, ha spiegato, e il punto principale adesso è quello di «ristrutturare i loro bilanci affinché siano in grado di fare il loro lavoro, ovvero finanziare l’economia reale. Devono farlo con ogni mezzo possibile, mettendo da parte i loro utili per rafforzare i bilanci, evitare di distribuire ampi dividendi, pacchetti remunerativi o bonus», ha aggiunto.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi