Go to Top

Tangenti e mazzette per evitare i controlli sull’ Aulin

«Mazzette per evitare i controlli sull’Aulin»
Farmaci e tangenti, filmata la consegna di soldi al vice capo dell’Aifa

Cari amici,

Quando leggo articoli come questo mi rendo conto di quanto sia difficile il progetto AziendaCondomìnio.

Gli uomini nel loro complesso sono gretti ed egoisti!
Moltissimi condòmini che conosco si meritano i loro amministratori, i quali fanno bene a succhiare quanti più soldi riescono dalle loro tasche.

E allora mi devo arrendere?
No, perchè gli uomini sono anche capaci di umanità e di altruismo, se sono adeguatamente motivati ed hanno dei buoni compagni di viaggio.

Noi siamo buoni compagni di viaggio, e ci proponiamo alle persone che non si arrendono ed hanno il coraggio di credere in un domani migliore.

E’ vero che ci vuole tanto coraggio per “credere” nel futuro!!
Ma che dobbiamo fare?
Ogni tempo nasce con le sue sfide da affrontare, e il nostro tempo richiede scelte coraggiose e “fuori dal coro”.

Possiamo metterci insieme per costruire un mondo migliore per i nostri figli, oppure possiamo continuare a stare da soli ed in competizione “di mercato” …..e i nostri figli ci malediranno perchè troveranno un mondo malato, inquinato, e senza speranza.

Oggi possiamo scegliere….
anzi DOBBIAMO scegliere perchè non possiamo sprecare le possibilità che ci restano.
Corriere della Sera

MILANO — Tra i 30 indagati del nuovo scandalo farmaci c’è anche un neosindaco. Carlo Della Pepa, 46 anni, medico e ricercatore della farmacologia di Torino, eletto a Ivrea per una coalizione di centrosinistra. Il suo capo è il farmacologo di Torino Mario Eandi. Poi manager di primo piano della Bayer, Umberto Filippi e Roberto Ceresa (ex Lega Nord).

Incontri con il «numero uno» dell’Aifa (l’Agenzia italiana per l’approvazione e la sorveglianza sui farmaci) Nello Martini sono agli atti dell’inchiesta torinese guidata da Raffaele Guariniello. E che oltre alla corruzione ipotizza un sistema che potrebbe avare arrecato danni alla salute dei cittadini. Un esempio: il caso Aulin. Nimesulide è la molecola, Aulin è il farmaco più noto tra i molti in commercio che contengono questo principio attivo. Un anti-infiammatorio (Fans) che può anche avere gravi effetti collaterali sul fegato. Mai approvato negli Stati Uniti e in Giappone. Ritirato nel 2002 in Spagna e Finlandia. E nel maggio 2007 in Irlanda dopo che sei pazienti subirono un trapianto di fegato per sopravvivere alle lesioni causate dall’abuso del farmaco.

L’Italia nicchia, a chi ne chiede il ritiro viene risposto che i benefici in un certo sono superiori ai rischi. Basta rispettare l’obbligo di prescrizione da parte del medico. Di verifiche e studi per appurarne la reale pericolosità non se ne parla. Solo monitoraggio. Perché? La risposta in un filmato di due minuti. Un mediatore passa una mazzetta a Pasqualino Rossi per «lasciare tranquillo» l’Aulin. Un regista con le stellette ha immortalato immagini e suoni del pagamento in contanti, la gioia del numero due dell’Aifa (rappresentante anche nell’Emea, l’agenzia europea per i farmaci), la sua corsa in banca per coprire il conto in rosso. Un corto da YouTube agli atti della richiesta di 20 ordinanze cautelari, su 30 indagati (ma forse saranno di più dopo gli interrogatori di oggi in carcere a Roma), da parte della procura di Torino dopo due anni di inchiesta sull’Aifa partita (gennaio 2006) da alcuni dossier per l’approvazione di alcuni farmaci bioequivalenti o generici. I provvedimenti, firmati dal gip torinese, riguardano Pasqualino Rossi (carcere) e Antonella Bove (arresti domiciliari), dirigenti Aifa. Altre ordinanze (tre in carcere, tre in casa) riguardano procuratori delle aziende: Matteo Mantovani, Sante Di Renzo, Mario Umbri, Piera Campanella e Francesca Fiorenza. Un sesto manager è ancora ricercato: sarebbe all’estero.

Tutto registrato, immagini e suoni. Prove contenute nelle 700 pagine della richiesta di 20 arresti, che poi il Gip ha «sintetizzato » in soli otto arresti e 400 pagine di ordinanza. Anche Nello Martini, che smentisce di essere indagato, è protagonista di intercettazioni chiave: le cimici degli investigatori (i carabinieri dei Nas di Torino, Roma, Padova e Alessandria), per esempio, ne avrebbero registrato parola per parola un incontro con i vertici della Glaxo in un albergo di Verona. Che cosa si sono detti è agli atti. Come agli atti è la storia della figlia di un funzionario Aifa assunta da una delle aziende di cui il padre doveva essere tra l’altro «controllore». Da ieri tutto è in mano anche della procura di Roma, che su buona parte dell’inchiesta è competente. Dei 30 capi d’accusa dell’inchiesta, solo sette resteranno al vaglio dei magistrati torinesi. Inevitabile il contraccolpo nel dicastero del Welfare e della Salute. Il ministro Maurizio Sacconi ha deciso l’avvio di una commissione d’indagine composta da tre «autorevoli esperti»: dovrà fornire le prime valutazioni tra sette giorni, poi un più completo rapporto entro il 31 luglio 2008. All’esame un sistema molto raffinatosi dopo lo scandalo che 15 anni fa ha coinvolto Duilio Poggiolini e la Cuf, l’equivalente dell’Aifa di allora. Il filone sul sangue infetto (Hiv ed epatiti B e C) è ancora aperto. A Napoli dovranno decidere su Poggiolini, estraneo a tutto il ministro della Sanità dell’epoca Giovanni De Lorenzo. L’Aifa fu istituita ex novo anche per cancellare lo scandalo Poggiolini. Evidentemente però qualcosa non ha funzionato.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi