Go to Top

Ponte sullo Stretto, via libera dal Cipe

 

Cari amici,

Da anni leggo sui giornali che i nostri politicanti hanno in mente di fare il ponte sullo stretto di Messina.

Per ciò che può servire, mi dissocio da questo progetto, poichè a mio giudizio è uno spreco di risorse che non serve a nient’ altro che incrementare il cosiddetto “PIL”.

Sono convinto che se anche si decidesse di non fare nulla, e di impiegare i 6 miliardi di euro previsti per diminuire il debito pubblico, sarebbe comunque una scelta conveniente per tutti noi.

Mi chiedo cosa si potrebbe fare di alternativo con questi 6 miliardi, e mi vengono in mente tantissime iniziative utili:

Finanziare l’ adeguamento degli immobili per il risparmio dell’ energia;
Una serie di lavori di ristrutturazione lunghissima che migliorerebbe la vivibilità delle nostre città;
Investimenti in nuovi modelli educativi e sanitari;
Ristrutturazione del nostro modello agricolo;
Incremento delle strutture turistiche nel rispetto del nostro ecosistema;
Ricerca in energie alternative;
…etc…etc…etc…

….invece faremo un ….ponte!!!

Un grandissimo, costosissimo, onerosissimo, e inutile ponte!!

Tra vent’ anni (forse!) inizieremo a sfruttare quest’ opera ciclopica.

Intanto Dio solo sa quante risorse saranno “buttate”, quanto inquinamento sarà prodotto, quanto materiale sarà impiegato,

….ma il PIL aumenterà!!

Corriere della sera

ROMA – Il ponte sullo Stretto di Messina si farà e per i lavori sono stati stanziati 1,3 miliardi di euro sui 6,1 del costo complessivo dell’opera. Il via libera all’impegno delle risorse è arrivato dal Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, che si è riunito oggi a Palazzo Chigi.

LA SALERNO-REGGIO – Quella del ponte – che subito dopo il via libera del Cipe è stato definito un «progetto strategico per l’intero Mezzogiorno» dal presidente del Senato, Renato Schifani – è solo una delle opere inserite in un pacchetto complessivo che prevede interventi per quasi 18 miliardi di euro nel campo delle infrastrutture (a cui sono destinati 16,6 miliardi) e per l’edilizia scolastica e carceraria (1,2 miliardi). Tra i grandi cantieri finanziati, un altro particolarmente significativo è quello per il il completamento della Salerno-Reggio Calabria. Le risorse stanziate per quest’opera, secondo quanto ha dichiarato il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci in un’intervista a Sky Tg24, «saranno sufficienti a completarla entro il 2012-2013». «Finora la Salerno-Reggio Calabria è costata circa 9 miliardi – ha precisato Ciucci -. Dei 450 Km 190 sono stati ricostruiti con i criteri più moderni di sicurezza e servizio 180 sono in costruzione. I tempi non sono lunghi come qualcuno afferma: i lavori sono partiti nel 2002 in maniera decisa e se riusciremo a rispettare la scadenza del 2012-2013 per completarli, 20 anni sarebbero un risultato molto apprezzabile».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi