Go to Top

Marchionne, lo Stato e la logica del capitalismo

«Termini? Chiusura irreversibile»
Marchionne: «Lo stabilimento non è in grado di competere»

Cari amici,

L’ articolo tratto dalla web Page del Corriere di oggi è illuminante, a mio parere, per capire quanta distanza c’ è tra la logica del capitalismo e la giustizia sociale.

Marchionne lo dice in pubblico senza paura di essere smentito:

«La Fiat è un’azienda e ha le responsabilità di un’azienda. Non ha le responsabilità di un governo, è il governo che deve governare. Siamo il maggiore investitore in Italia, ma non abbiamo la responsabilità di governare il paese»

Una verità a mio giudizio ineccepibile, a cui però si deve rispondere:

“Chi ha la responsabilità di governare? Quali sono le direttive di governo?”

Il punto della questione, a mio giudizio, è che per le imprese è facile governarsi, poichè c’ è solo una semplice regola da applicare:

Tutto deve essere organizzato per guadagnare il più possibile, a vantaggio dei proprietari (per le micro-aziende) o per gli investitori/azionisti (per le imprese medio-grandi).

Al contrario, gli Stati dovrebbero procurare vantaggi ai cittadini-residenti, ma in pratica i governanti sono guidati da molti interessi spesso confliggenti tra loro, in quanto essi raramente fanno gli interessi di “tutti”, ma solo dei cittadini che li hanno eletti.

E’ soprattutto per questo motivo che il settore pubblico, spesso, offre dei servizi più scadenti di quelli offerti dal settore cosiddetto “privato”.

Personalmente penso che dovremmo agire per organizzare meglio il settore pubblico, con controlli efficienti, divisioni di potere, e procedure controllate in modo indipendente.

Il settore pubblico è essenziale per la vita di tutti, nonostante in Italia sia scadente, costoso e inquinato da interessi privati.

…..ma non è detto che debba continuare così.

Per migliorare “possiamo” cambiare mentalità e riformare il settore pubblico in modo efficiente ed efficace, a partire da una sostanziosa riduzione sia del numero di rappresentanti, sia del loro stipendio, ormai fuori misura rispetto al tenore di vita medio nazionale.

Corriere della sera

MILANO – La decisione di chiudere Termini Imerese «è irreversibile. Lo stabilimento non è in grado di competere». Lo ha ribadito l’amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne, intervenendo all’Automotive News World Congress, dopo che il suo intervento era stato interrotto da una piccola protesta. Dalla platea si è alzata una voce affermando: «Fiat-Chrysler vergogna», in riferimento alla decisione del Lingotto di chiudere lo stabilimento siciliano. Marchionne, ha poi precisato: «La Fiat è un’azienda e ha le responsabilità di un’azienda. Non ha le responsabilità di un governo, è il governo che deve governare. Siamo il maggiore investitore in Italia, ma non abbiamo la responsabilità di governare il paese».

CAPACITA’ PRODUTTIVA – «A livello globale la nostra industria ha la capacità di produrre circa 94 milioni di auto all’anno, circa 30 milioni in più di quante se ne vendono. Un terzo di questo eccesso di capacità si trova in Europa, dove il settore automobilistico resta virtualmente l’unico settore a non aver ancora razionalizzato la produzione. L’Europa lo scorso anno ha utilizzato il 75% della propria capacità, un numero che potrebbe scendere al 65% quest’anno. La ragione è semplice – spiega Marchionne -: i produttori europei semplicemente non chiudono gli impianti. E questo perché ricevono spesso fondi per non farlo. L’ultima volta che un impianto in Germania è stato chiuso la Seconda Guerra Mondiale doveva ancora iniziare». «Questo problema coincide con l’apparente determinazione a fare del settore automobilistico l’ultimo bastione del nazionalismo economico del continente. È passato più di mezzo secolo è passato da quando il Trattato di Roma è stato firmato, e i governi europei continuano ancora ad agire come se fossero le infermiere delle rispettive case automobilistiche nazionali, discriminandosi fra paesi», aggiunge Marchionne, sottolineando come i motivi alla base di questo atteggiamento del governo potrebbero essere anche «ammirevoli. Tutelare l’occupazione è il primo: è un imperativo di ogni società assicurare che i bisogni umani siano soddisfatti» ma non si possono forzare le industrie a farlo. E inoltre – aggiunge – le aziende «possono farlo solo in modo artificiale». «Un’altra ragione ugualmente comprensibile è l’orgoglio: l’orgoglio nazionale può essere motivante e virtuoso». Ma, citando Aristotele, Marchionne afferma: «La differenza fra orgoglio e vanità è che una merita gli onori l’altra li riceve. Così dovrebbe essere per la nostra industria. La Fiat ha dato il benvenuto all’orgoglio della nostra rinascita, perchè era genuino. Ma le case automobilistiche non meritano l’orgoglio dei loro governi se questi le trattano come società deboli che richiedono assistenza continua: le società saranno motivo di orgoglio se saranno in grado di stare in piedi sulle loro gambe e competere».

SCOPERO DEI LAVORATORI DELLA FIAT – Non si è fatta attendere la reazione dei sindacati al di scorso di Marchionne. I sindacati dei metalmeccanici del gruppo Fiat, Fiom, Fim, Uim e Fismic hanno infatti deciso uno sciopero di quattro ore per tutti i lavoratori del Gruppo per il prossimo 3 febbraio. La decisione è stata presa contro la chiusura dello stabilimento di Termini Imerese annunciato dalla Fiat.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi