Go to Top

Lettera alla Community ottobre 2008

Cari amici,

Stiamo vivendo un momento storico unico che interessa la nostra società dal punto di vista sia economico, sia politico.

Staremo a vedere gli sviluppi nei prossimi mesi.

In questa situazione così compromessa, di positivo c’ è che siamo “costretti” a vedere la realtà, se non altro perchè ci tocca da vicino.

L’ economia, infatti, è legata alla nostra storia e non “scende dalla luna”!

Il progetto AziendaCondomìnio si fonda sulla realtà sociale che stiamo vivendo oggi, e serve a trovare dei rimedi agli evidenti problemi economici e politici che tutti i giorni sono trattati sulle prime pagine dei giornali.

Io questa situazione avevo cominciato a studiarla a suo tempo, e ne avevo cominciato a scrivere su questo forum due anni fa.

Di seguito copio il post che ho scritto il 25 marzo 2006, che apre la trattazione dell’ argomento “economia” che continua ancora oggi sul forum e sul blog “Buone parole”:

“Milano, lì 25 marzo 2006,

L’ ottimismo è la vera benzina dell’ economia.
Mi immagino una barca a vela lanciata a gonfie vele nell’ oceano.

Il vento è l’ ottimismo, la barca l’ economia.

Su cosa si basa l’ ottimismo? Sulla fiducia…………la fiducia, per esempio, che quei pezzi di carta che abbiamo in tasca, chiamati volgarmente banconote, tra due anni varranno di più o di meno di oggi.

I più inguaribili ottimisti del mondo, oggi, sono gli americani.

Se i nostri economisti hanno un futuro incerto…..ma comunque possibile, gli economisti americani hanno da mettersi le mani nei capelli.

E’ come se tutta l’ economia americana fosse seduta su un’ enorme polveriera. Guardano tutti la miccia e non si sa quando la barca esploderà.

Qualche semplice dato da ricordare………..

Il debito pubblico in Italia, ammonta più o meno al 105% del PIL; e tutta l’ Europa ci bacchetta per questo motivo.

Chi sa che il deficiti federale statunitense è in misura di oltre il 290% del PIL?? Come mai non si leggono notizie in prima pagina su questo argomento??

Ma noi, che siamo praticanti della vita, ne parliamo.”

In questo contesto economico così “complicato”, gli amministratori possono contare sulla Community AziendaCondomìnio per svolgere la loro funzione di “mediatore sociale”.

L’ amministratore, infatti, svolge nel bene e nel male, la funzione di “mediatore sociale”, e ha pertanto la possibilità di orientare le comunità residenziali di cui è rappresentante legale verso una migliore convivenza, se orientato, motivato dal punto di vista morale, e, soprattutto, se adeguatamente controllato da procedure efficienti ed autonome.

Con i miei migliori saluti per voi e per le vostre famiglie.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi