Go to Top

La gestione collettiva delle risorse

La gestione collettiva delle risorse

Raj Patel scrive…

Una democrazia genuina ci impone innanzitutto di cambiare la maniera di relazionarci con il mondo attorno a noi, e di andare oltre la proprietà e l’ amministrazione, per abbracciare invece la gestione collettiva delle risorse.

Questa non è un’ esortazione ad abbandonare ogni tipo di proprietà: la proprietà personale è importante ed entro certi limiti ragionevoli non dovrebbe essere negata a nessuno.

Tantomeno è un’ esortazione ad abbandonare i mercati, che sono un buon meccanismo per decentralizzare il processo decisionale; è persino difficile immaginare una democrazia funzionante fatta di persone libere nella quale non esistano i mercati.

L’ economista britannica Diane Elson osserva che persino le comunità utopistiche sono dotate di forme di mercato e strumenti di scambio.

I sistemi di puro baratto, però, sono difficili da gestire, mentre i mercati sottoposti a controllo democratico agevolano lo scambio, lasciando aperta la possibilità di calcolare e ritoccare i prezzi al loro interno.

Ciò che bisogna sradicare dai mercati è la sete di perpetua e dominante di espansione e di profitto che ci ha portati sull’ orlo della catastrofe ecologica; ciò che dobbiamo sradicare da noi stessi è la convinzione che i mercati siano l’ unica maniera di determinare il valore del mondo.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi