Go to Top

Italia in declino, spetta a noi cambiare.

Fmi: «Italia, prospettive tetre»
La ripresa – secondo l’analisi del Fondo Monetario internazionale – sarà lenta e debole

Cari amici,

Spero che oggi i lettori dei giornali riescano ad andare “oltre” il caso Eluana, o, perlomeno, che riescano a vedere questa vicenda nel quadro dei nostri atavici difetti che ci condannano all’ anarchia e all’ immobilismo.

La notizia di oggi è che il Fondo monetario internazionale (Fmi) in un rapporto sull’economia italiana spiega che la capacità di ripresa italiana è rallentata da «rigidità, mancanza di concorrenza, limitato spazio per una risposta fiscale».

Ora, sono consapevole di quanto il Fmi abbia delle idee molto rigide e discutibili su ciò che riguarda il governo dell’ economia internazionale.

Ma non si può non vedere quanto siamo ignoranti e stupidi!

Ieri ero all’ ipermercato, e guardavo un tizio che mi offriva un bicchiere d’ acqua “gratis” da una bottiglia e mi chiedeva: “La trova “diversa” dalla “sua” acqua signore?”

Io ho bevuto l’ acqua per fargli piacere, ho risposto qualcosa che non mi ricordo, e mi sono domandato se ero più pazzo io che mi “prestavo” al suo gioco, o era più pazzo lui che passava il pomeriggio prendendo in giro la gente per un magrissimo compenso.

Ma questo è solo un esempio!

La posizione di “amministratore di condominio” mi consente di relazionarmi con tantissima gente, e di “soppesarla” su una delle parti più sensibili che esista: il portafoglio!

La crisi economica si sta abbattendo come un uragano sul mercato delle amministrazioni di condominio, e i residenti non hanno alcun “ombrello” per ripararsi.

Ed io “tocco con mano” il rapporto tra morosità e totale spese condominiali che si incrementa sempre di più, agito con tutta la cattiveria che riesco a “fingere” l’ arma del decreto ingiuntivo, e, nello stesso tempo, prego in ginocchio chi non paga di firmare un piano di rientro, per non costringermi a “togliere la museruola” all’ avvocato.

E intanto la pletora di artigiani che si accodano per offrirmi tangenti sempre più alte in cambio del diritto di lavorare si allunga ogni giorno.

Io dico di “no” a tutti, mi proteggo con le regole della Community, ma fino a che non saremo abbastanza forti per cambiare le cose, i fornitori sapranno che per loro, il male minore sarà trovare amministratori che pretendano soltanto “modeste” tangenti.

Spero che riusciremo a diventare abbastanza forti per migliorare la gestione condominiale in Italia.

E, quando ciò accadrà, avremo reso un grande servizio al nostro paese!

Corriere della sera

NEW YORK – Le prospettive a breve termine per l’economia italiana sono «tetre». I «rischi al ribasso dominano l’outlook» e la ripresa sarà «lenta e debole». Lo afferma il Fondo monetario internazionale (Fmi) in un rapporto sull’economia italiana spiegando che la capacità di ripresa italiana è rallentata da «rigidità, mancanza di concorrenza, limitato spazio per una risposta fiscale».

«Il consolidamento del bilancio previsto per il 2009 dovrebbe slittare», per questo «misure tempestive, mirate e coordinate dovrebbero essere considerate» tenendo conto anche dei programmi di riduzione della spesa aggiunge ancora l’Fmi. «Il pacchetto fiscale presentato di recente al Parlamento è in generale in linea con queste considerazioni. Se le prospettive di crescita peggioreranno ulteriormente, però, uno stimolo più ampio potrebbe essere considerato».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi