Go to Top

Il SuperEnalotto per l’ Economia Relazionale

SUPERENALOTTO: DI VIRGILIO, PDL PER STABILIRE LIMITE. RESTO A BISOGNOSI

Cari amici,

Mi piace riportare e commentare questa notizia che spero sappia trovare sviluppo politico e sociale nel nostro paese.

Usare il SuperEnalotto e, più in generale, i cosiddetti “giochi della fortuna”, per dare la possibilità alle persone di redistribuire le risorse finanziarie con logiche diverse da quelle del profitto mi sembra un’ idea brillante.

A questo riguardo voglio sottolineare l’ importanza di dare il potere di “regalare ricchezza” al vincitore.

E’ il proprietario della ricchezza che deve avere il diritto/dovere di destinare il proprio valore finanziario in modo alternativo a quello del profitto.

Lo stato non deve sottrarre questo diritto/dovere al privato, ma bensì deve favorire questo processo di redistribuzione del valore con leggi che dirigano il valore finanziario con criteri di solidarietà e non di egoismo e di scambio di mercato.

Questa vincita potenziale stratosferica, a mio giudizio, rende chiarissima la percezione della assoluta ingiustizia manifesta tra chi ha troppo e chi non ha nulla per vivere.

E’ proprio questa consapevolezza che rende possibile il cambiamento.

Speriamo che qualcuno sappia tradurre in realtà queste visioni innovative.

Asca

– Roma, 17 ago – ”La cifra che anche questa settimana il jackpot del superenalotto ha raggiunto e’ stratosferica e mi domando se sia socialmente, umanamente e moralmente apprezzabile che un premio, in questo caso il tanto sospirato 6, possa superare i 100 milioni di euro”. Ad affermarlo e’ Domenico Di Virgilio parlamentare del Popolo della Liberta’.

”Benche’ a tutti noi faccia gola vincere un tale premio – prosegue Di Virgilio – penso che comunque ci accontenteremo anche di una cifra minore e dovremmo forse riflettere sul fatto che ci debba essere comunque un limite da stabilire e impiegare la quota in eccedenza a scopo benefico e sociale”.

”Sto lavorando a una proposta di legge che presentero’ alla ripresa dei lavori parlamentari – evidenzia Di Virgilio – e che va nel senso suddetto, ovvero devolvere la quota eccedente del superenalotto ad enti ed associazioni senza scopo di lucro che si occupano ad esempio di malati, di disabili e di ricerca finalizzata alla cura di gravi patologie”.

”So che questa mia proposta scatenera’ una corsa da parte di enti ed associazioni ad usufruire di questo beneficio – conclude Di Virgilio – ma si potrebbe anche prevedere la istituzione di una commissione interna al ministero del welfare che dovra’ rivedere periodicamente, e quindi anche modificare se necessario, l’elenco dei beneficiari”.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi