Go to Top

Il condominio è un’ azienda

Il condominio è un azienda

Forse vi state chiedendo perchè il condominio è un’ azienda relazionale?

Anzitutto bisogna dire che il condominio è un azienda, costituita da un insieme di procedure operative coordinate (Distribuzione della posta, manutenzione della caldaia, predisposizione del rendiconto consuntivo, pagamento delle fatture, sostituzione lampadine bruciate, etc…etc…), che sono organizzate dalle comunità residenziali per tre fini destinati a durare nel tempo:

Mantenere e, se possibile, aumentare il valore dei beni e dei servizi comuni;
Promuovere un ambiente solidale, cordiale, vivibile e a misura d’ uomo;
Controllare i professionisti, i tecnici, i fornitori e i dipendenti assunti, pagati in quanto necessari per perseguire i fini elencati ai punti 1) e 2).

L’ amministratore dovrebbe essere a servizio dell’ organizzazione del condominio, e la dovrebbe supportare con la propria professionalità.

Infatti amministrare significa gestire, governare, applicare le leggi o sovrintendere alla loro applicazione, disciplinare.

Deriva dal latino administrare, gestire, eseguire, realizzare, servire.

Tutto questo? SI, e anche molto di più.

Farlo bene, continuamente e migliorare, oltre a trovare le strategie giuste, tenersi aggiornati sul mercato, organizzare riunioni informative e motivanti, curare le pubbliche relazioni, e…

Ma chi aggiorna, motiva, forma, gestisce, fa rispettare le regole all’amministratore?

Nessuno. Ecco perchè sono così rari!!!!

…. ma torniamo al punto senza divagare.

Un azienda si basa su relazioni coordinate verso obiettivi comuni.

Ma senza un’ organizzazione basata sul controllo interno, questi obiettivi comuni non si potranno mai realizzare, e tutto si baserà soltanto sulla buona volontà, la preparazione, e l’ onestà di chi si ritroverà a prendere le decisioni.

A questo punto qualcuno potrebbe chiedermi: Potresti spiegarmi il tutto in maniera più semplice?

Certamente!

In un condominio una donna ebbe la sorpresa di trovare sulla soglia di casa un amministratore condominiale piuttosto ben vestito che le chiese qualcosa da mangiare.

“Mi dispiace”, ella rispose, “al momento non ho in casa niente”.

“Non si preoccupi”, replicò lo sconosciuto amabilmente. “Ho nella bisaccia un sasso per minestra; se mi darete il permesso di metterlo in una pentola di acqua bollente, preparerò la zuppa più deliziosa del mondo. Mi occorre una pentola molto grande, per favore”.

La donna era incuriosita. Mise la pentola sul fuoco e andò a confidare il segreto del sasso per minestra a una vicina di casa.

Quando l’acqua cominciò a bollire, c’ erano tutti i condomini, accorsi a vedere lo straniero e il suo sasso

… leggi tutto.

Lascia un commento