Go to Top

Grillo nel PD: Accesso negato!

Grillo chiede la tessera del Pd ma lo statuto stoppa la sua corsa

Cari amici, una domanda al volo:

Se Marchionne chiedesse di essere assunto nella vostra azienda, prendereste in considerazione la sua richiesta?

Se Vanessa Incontrada volesse partecipare al vostro circolo di teatro, avreste problemi ad integrarla?

Se Roy Paci volesse venire a suonare alla festa patronale del vostro paese, rifiutereste l’ invito?

Invece Beppe Grillo, un democratico di sinistra convinto delle sue idee, non può trovare accoglienza nel cosiddetto “Partito Democratico”.

Le motivazioni, a mio giudizio, sono soltanto delle patetiche scuse, da parte di una dirigenza paurosa che ha paura del confronto politico con chi ha le idee e la capacità di sostenerlo.

E’ facile litigare con la cosiddetta “destra”!

Portano un altra divisa; …sono “gli altri”!

Se si perde si può dire comodamente che non si è stati compresi.

Ma la cosiddetta “sinistra” oggi cos’ è?

Me lo chiedo e non mi so dare risposta!

A commento delle ultime elezioni Di Pietro ha detto che vuole cambiare nome al suo partito; più precisamente propone di togliere il suo nome dal simbolo, e chiamare il gruppo “L’ Italia dei Valori”.

Sarebbe un buon contenitore! Forse diventerebbe un serbatoio che potrebbe riempire anche il “clan” di Beppe Grillo.

Perchè no??

Anche Di Pietro, in fondo, è di sinistra!

Il suo modo di comunicare, così caricaturale e sanguigno, il suo passato da contadino, la sua vicinanza con la “gente normale” ne fanno un popolano che potrebbe assomigliare al mio vicino di casa.

Insomma non c’ è solo il PD di “sinistra”!

A mio giudizio Beppe Grillo si merita il diritto di avere la possibilità di mettere in pratica le idee che finora ha espresso in modo turbolento e confusamente ironico.

Abbiamo bisogno di gente buona e passionale!

Beppe Grillo assomiglia a Di Pietro!!

….o no?

Il sole 24 ore

Beppe Grillo si è iscritto questa mattina al Pd, ad Arzachena, come lui stesso ha annunciato.
Ma anche se la tessera venisse concessa (la richiesta dovrebbe essere fatta nel comune di residenza) difficilmente il comico potrebbe correre per la segreteria.
Maurizio Migliavacca, responsabile Organizzazione del Pd non ha dubbi: «Le regole per iscriversi al Pd sono chiare e precise. Mi sembra molto difficile che la richiesta di iscrizione al partito di Beppe Grillo contenga i presupposti e abbia i requisiti necessari per il rilascio della tessera».

Lo statuto fissa i paletti per la presentazione delle candidature e stabilisce che chi vuole correre per la leadership deve risultare iscritto nel momento in cui la direzione convoca il congresso, cosa che è avvenuta lo scorso 26 giugno.
Sempre lo statuto, esclude l’iscrizione di persone che siano iscritte ad altri partiti politici. A sottolinearlo è Stefano Ceccanti secondo il quale: «dato che i partiti politici sono quelle realtà associative che si presentano alle elezioni e dato che in più casi Grillo è stato promotore di liste in concorrenza col Pd se ne ricava che l’iscrizione dovrebbe essere rifiutata». A questo proposito il senatore Pd ricorda che «nelle Primarie 2007 furono legittimamente rifiutate le candidature di Di Pietro e Pannella che erano espressione di altri partiti alleati del Pd. Sarebbe illogico – conclude Ceccanti – accettare Grillo che non è neanche un alleato».

Il comico genovese non si arrende: «Se troveranno che il terzo comma, del quarto paragrafo bis… ne pagheranno le conseguenze». Il partito, dice «è un vaso comunicante, travasiamo un pò di cittadini dentro la politica».
Mario Adinolfi, candidato alla segreteria nazionale del Pd e membro della direzione nazionale, che ha fatto parte della commissione che ha redatto lo statuto del Pd, suggerisce: «dia prova di serietà e accettazione delle regole, chiedendo una deroga motivata alla direzione nazionale del Pd. Io voterò per concedergliela».

Ma la polemica politica incalza, soprattutto sulla questione delle alleanze. «Antonio di Pietro è il mandante di Beppe Grillo», sostiene Marco Follini in un corsivo che sarà pubblicato domani sul Riformista di cui è stata fornita un’anticipazione. Per questo , sottolinea il senatore democratico «è necessario rompere l’allenza con l’Idv».
Antonio Di Pietro non ci sta. «Grillo non ha bisogno di mandanti, ragiona con la sua testa: basta e avanza».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi