Go to Top

Economia, Ciò che si sa e ciò che non si dice

Crisi, Berlusconi va all’attacco
«Chiudere bocca a chi sparge panico»

E insiste: niente pubblicità ai media catastrofisti. «Gli italiani con me nonostante i veleni e le calunnie»

Cari amici,

Da sempre non sopporto chi utilizza il rafforzativo “davvero” per mettere su un piedistallo le proprie argomentazioni.

Non basta dire “per combattere la crisi”; è necessario anche aggiungere “davvero”, per sottolineare che altri non agiscono “veramente” per combattere la crisi.

E poi il contenuto del messaggio è proprio demoralizzante!

Ossia, a giudizio di Berlusconi per combattere la crisi economica sarebbe necessario evitare di vedere la realtà che stiamo vivendo, e imbottire la gente con vagonate di ottimismo e “sorrisi”.

Preciso che questo tizio non è il portinaio sotto casa, ma bensì il “presidente” del Consiglio del nostro paese.

Mi domando quante persone hanno consapevolezza di quanto la vita sulla terra sia precaria.

Non riesco a non sorprendermi di fronte a tanta indifferenza, supponenza, presunzione.

Negli ultimi 8 anni, ad esempio, sono state sperperate ricchezze immani in spese militari, mentre il numero di affamati sulla terra è passato da 800 milioni ad un miliardo.

Tutti questi soldi sono stati spesi per farci sentire ancora più insicuri, tanto che la minaccia nucleare oggi è più vicina e realistica di quanto non era 30 anni fa.

Infatti, oggi secondo fonti ufficiali dell’ ONU sono circa 40 i paesi che già dispongono di “capacità nucleare”.

Di fronte a questi fatti, e a molti altri che mi astengo dal riferire, bisognerebbe chiuderci gli occhi, sorridere e “avere fiducia”?

Essere ottimisti è necessario, ma “prima” è obbligatorio essere consapevoli.

Cercare la giustizia è faticoso, e non rende quasi mai ricchi!

Corriere della sera

ROMA – Per combattere davvero la crisi economica bisogna «chiudere la bocca a tutti questi organismi internazionali che ogni giorno dicono la crisi di qua e la crisi di là» e anche «agli organi di stampa che tutti i giorni danno incentivi alla paura e diffondono il panico». Lo dice il premier Silvio Berlusconi in conferenza stampa a Palazzo Chigi per l’approvazione del Dl manovra. «Gli organi di stampa – ha insistito Berlusconi – riprendono le posizioni del tanto peggio tanto meglio delle opposizioni e danno incentivi alla paura».

NO PUBBLICITÀ A MEDIA CATASTROFISTI – Illustrando i contenuti del decreto anti crisi, torna a parlare del rapporto con la stampa che da spazio al catastrofismo: «Occorre incentivare l’azione affinchè editori e direttori dei giornali non contribuiscano a diffondere pessimismo». Poi attacca: «L’ho detto a Santa Margherita anche se ha fatto scandalo e lo ripeto: gli imprenditori devono minacciare di non dare pubblicità a quei media che sono essi stessi fattori di crisi». Al G8 e G27 che «presiederò dirò agli imprenditori di non avere paura, di pubblicizzare i loro prodotti e di essere più convincenti con i direttori e i responsabili degli organi di stampa, incentivandoli affinchè non diffondano la paura».

ORGANISMI INTERNAZIONALI – «Bisogna rilanciare i consumi come prima. E per risollevarli bisogna far sì che prima di tutto il governo e in secondo luogo tutte le organizzazioni internazionali, lavorino per rilanciare la fiducia». Secondo il Cavaliere queste organizzazioni internazionali «un giorno si» e uno no escono e dicono che il deficit è al 5%, meno consumi del 5%, crisi di qui, crisi di lá, la crisi ci sará perfino al 2010, la crisi si chiuderà nel 2011… un disastro. Dovremmo – avverte – veramente chiudere la bocca a tutti questi signori che parlano, magari perché di cose che i loro uffici studi gli dicono possono verificarsi, ma che così facendo, distruggono la fiducia dei cittadini dell’Europa e del mondo». Tra gli altri, a parlare del pil a meno 5% era stato giovedì il governatore di Bankitalia Mario Draghi.

GLI ITALIANI SONO CON ME – A suffragare il suo pensiero, il presidente del Consiglio cita gli italiani: «Gli italiani ci hanno votato e continuano a darci consenso nonostante tutti i miasmi, le calunnie e i veleni che tentano di lanciarci addosso per sommergerci. Gli italiani – prosegue Berlusconi – ne vengono fuori con un maggiore attaccamento a noi, alla nostra parte politica e a me personalmente. Io credo che gli italiani ci premino perché rispettiamo gli impegni assunti, questa è la vera moralità che abbiamo portato nella politica. Con il testo di questo decreto guardiamo al domani perché è un decreto di spinta all’economia».

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi