Go to Top

Cause di nullità

Cause di nullità

Tribunale di Milano, 26 febbraio 2003, n. 2803

Secondo i principi ricavabili dall’ormai consolidato orientamento della Suprema Corte, la figura generale di vizi di cui può essere affetta una delibera condominiale è quella della annullabilità, la cui azione è proponibile secondo i criteri previsti dall’art. 1137 c.c., che prevedono l’assoggettamento al termine di decadenza di trenta giorni la nullità, invece, costituisce una categoria speciale e residuale di vizi, ritenuta sussistente nei casi: di deliberazioni prive degli elementi essenziali o solo apparente (per tale categoria si è anche talvolta usata la definizione di "inesistenza"), con oggetto impossibile o illecito; di delibere aventi per oggetto innovazioni vietate o adottate con maggioranze inferiori a quelle prescritte, o aventi un oggetto esorbitante dai compiti dell’assemblea; di delibere che ledono i diritti di ciascun condomino sulle cose o servizi comuni o contrarie ad interessi generali trascendenti quelli del condominio e dei suoi partecipanti.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi